Arrestati due fratelli per il tentato omicidio di Joson Lia

Arrestati due fratelli per il tentato omicidio di Joson Lia. All’alba i carabinieri hanno accompagnato i due fratelli in carcere

Alle prime luci dell’alba del 3 luglio, in Francofonte (SR) e Lentini (SR) i militari della locale Stazione Carabinieri unitamente al personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Augusta

a conclusione di una minuziosa e serrata attività info-investigativa, sottoponevano a fermo di polizia giudiziaria

due fratelli pregiudicati di Francofonte poiché ritenuti responsabili del tentato omicidio di Jason Lia, anch’egli francofontese.  

Arrestati due fratelli per il tentato omicidio di Joson Lia

Arrestati due fratelli per il tentato omicidio di Joson Lia
Arrestati due fratelli per il tentato omicidio di Joson Lia

In pratica, la notte dell’1 luglio 2019, mentre la vittima si trovava presso la Villa Idria di Francofonte,

veniva raggiunto da due colpi di pistola calibro 7.65 che lo attingevano al piede ed al ginocchio venendo immediatamente trasportato e ricoverato, non in pericolo di vita,  e sottoposto ad intervento chirurgico presso l’Ospedale di Lentini.

I Carabinieri di Francofonte e di Augusta, immediatamente raggiungevano il luogo del delitto.

Arrestati due fratelli per il tentato omicidio.

I militari tramite un delicato e particolareggiato sopralluogo e la visione delle immagini di video sorveglianza e soprattutto grazie ad un’approfondita conoscenza delle dinamiche sociali del comune di Francofonte,

giungevano nel giro di 48 ore all’individuazione ed al rintraccio dei responsabili, che avrebbero agito per contrasti interpersonali.

I fermati, espletate le prescritte formalità rito, venivano associati, il 20enne (il cui nome non è stato ufficializzato) presso la Casa Circondariale “Cavadonna” di Siracusa

l’altro, 17enne, presso il Centro di Prima Accoglienza di Catania a disposizione delle competenti Autorità Giudiziarie

che tra le giornate di ieri e di oggi hanno convalidato gli arresti, confermando i luoghi di detenzione.

Pubblicità