Siracusa, al via la pesatura per la raccolta differenziata nei centri di raccolta

Siracusa, 21 novembre 2016- Al via il servizio di pesatura dei rifiuti differenziati nei due centri comunali di raccolta in contrada Targia ed Arenaura. Permetterà a quanti vi faranno ricorso di ottenere una riduzione sulla parte variabile della tassa dei rifiuti.

I dettagli del nuovo servizio, che partirà mercoledì 23, sono stati spiegati dal sindaco, Giancarlo Garozzo, e dall’assessore all’Ambiente, Pietro Coppa, nel corso di una conferenza stampa tenuta alla Sala Archimede.

Con il conferimento tra 100 a 200 chili di rifiuti differenziati si avrà diritto al 20% di riduzione della Tari, dai 200 chili in poi al 40%. Non tutti i rifiuti differenziati conferiti e pesati saranno valutati allo stesso modo. Infatti carta, cartone, plastica, alluminio e metallo avranno un “coefficiente di ponderazione” 1; il vetro 0,3; i RAEE, lavastoviglie e frigoriferi varranno 4 chili a pezzo mentre computer e strampanti 2 chili a pezzo; gli ingombranti, quali arredi medi e grandi e materassi, 4 chili a pezzo.

I cittadini titolari di utenze domestiche che volessero conferire questi beni nei centri di raccolta lo potranno fare tutti i giorni, compresa la domenica ed escluso il martedì, giorno di chiusura, dalle 8 alle 13 e dalle 16 alle 19. In sede di conferimento dovranno esibire un documento di identità e la tessera sanitaria.

Resi noti anche i risultati del servizio di “raccolta porta a porta”. Per carta e cartoni sono state raccolte 70 tonnellate a settembre, 85 ad ottobre, a fronte della media di 46 tonnellate per tutto il primo semestre dell’anno, con quasi il raddoppio. L’incremento appare ancora più evidente se raffrontato agli anni passati: nel 2015 la media mensile era stata di 56 tonnellate, nel 2014 di 53 tonnellate.

Per quanto riguarda il vetro, a settembre raccolte 55 tonnellate, mentre per il primo semestre la media era stata di 38, con un aumento quindi del 40%. Per quanto concerne gli imballaggi in cartone a settembre raccolte 22 tonnellate, a fronte di una media mensile nel primo semestre di 15 tonnellate, con un aumento quindi di più di un terzo. Per gli imballaggi in plastica raccolte 50 tonnellate, la media mensile del primo semestre era stata di 27,5 tonnellate, con una percentuale quindi raddoppiata. Per gli ingombranti, infine, raccolte 70 tonnellate, a fronte di una media mensile di 60, con un aumento del 20%.

 

 

 

 

Pubblicità