Siracusa: E’ bufera sull’affidamento dei rifiuti all’Igm, Il Cga annulla il procedimento di gara. Garozzo “Stiamo lavorando per individuare quali atti e procedure adottare”

E’ caos in città per la sentenza del CGA che ha annullato il contratto tra il comune e l’IGM, la ditta che si occupa della raccolta dei rifiuti e della differenziata.

Adesso l’amministrazione dovrà correre ai ripari, e il sindaco uscente Giancarlo Garozzo dichiara: “Il C.G.A. della Regione Siciliana ha depositato oggi la sentenza che ha riformato la decisione del T.A.R. di Catania che aveva escluso dalla gara di affidamento del servizio di igiene urbana le altre due concorrenti. Il Giudice di secondo grado ha statuito che non è più efficace l’aggiudicazione del servizio IGM Rifiuti Industriali S.R.L. ed il contratto stipulato il 4 agosto 2017. Il C.G.A. ha ritenuto reticenti le dichiarazioni di tutti i concorrenti partecipanti alla gara e pertanto ne ha dichiarato l’esclusione. Il C.G.A. ha censurato l’operato della commissione giudicatrice nominata dall’UREGA (Ufficio Regionale gare e Appalti della Regione Sicilia) che è incorsa in un errore non escludendo IGM Rifiuti Industriali dalla gara. È in corso una riunione dei responsabili del servizio di igiene urbana per individuare e determinare quali atti e procedure adottare nell’immediatezza, nelle more dell’indizione di una nuova gara. Non è un mistero che come Amministrazione non siamo assolutamente soddisfatti del servizio espletato dall’attuale gestore. Il servizio di igiene urbana trattandosi di servizio pubblico essenziale non può e non deve essere interrotto e pertanto verrà assicurato”.

Pubblicità