Roccaro, candidato ai vertici Rai ricorre al Tar contro le nomine

Roma, 6 ago. (AdnKronos)

(Bon/AdnKronos)

“Ho inviato regolarmente il mio curriculum, mi è stato detto che

avrei avuto tutti i requisiti per la nomina a consigliere

d’amministrazione della Rai ma poi ho visto eletti dei pensionati

incompatibili per legge. Ciò lede i miei diritti e per questo motivo

farò ricorso al Tar: le nomine vanno bloccate”. E’ quanto

afferma all’AdnKronos Sebastiano Roccaro, presidente

dell’Istituto Superiore di Giornalismo di Palermo, annunciando di

aver dato mandato allo studio legale dell’avvocato Emanuele

Tringali di ricorrere al Tar del Lazio contro le nomine per il cda Rai.

In un comunicato, Roccaro – che vanta anche un recente passato di

produttore, autore e regista di programmi Rai come ‘Sputa il

rospo’ e ‘Mamma mia che impressione’ e di direttore

responsabile della testata giornalistica tv ‘Cinquestelle’ in

Sicilia – scrive di “avanzare ricorso avverso la delibera di

elezione dei nuovi vertici Rai innanzi al Tar Lazio, vedendo lesi i

miei diritti relativi all’opportunità di nomina a consigliere di

amministrazione dell’azienda Rai, in violazione della legge del

2014 che ha introdotto nuove disposizioni in materia di incarichi

dirigenziali a soggetti in quiescenza e che vieta a un lavoratore in

pensione di assumere incarichi nelle società controllate dallo

Stato”, come è la Rai.

fonte Adnkrons

Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: