Avola, un mese dedicato alla violenza contro le donne. Diversi convegni e giorno 25 il corteo

Avola, 20 novembre 2016 –  Di parole sulla questione della violenza contro le donne ne sono state spese tante, perchè aggiungerne di nuove?

Di manifestazioni ne sono state fatte tante, di iniziative, cortei, libri ne sono stati fatti tanti. Eppure sono sempre all’ordine del giorno i casi di violenza contro le donne, soprusi, maltrattamenti e nel peggiore dei casi “femminicidi”. E’ stata coniata perfino una parola nuova: “femminicidio”! E ancora se ne continua a parlare… fiumi di inchiostro sono stati spesi sulla stampa. Ma allora perchè continuare?

Continuare, sì. Bisogna continuare a parlarne perchè solo così potrà finalmente cambiare qualcosa. Perchè se è vero che alla base della violenza contro le donne c’è una concezione radicata, una visione della donna vista non come persona ma oggetto che può appartenere ad un uomo e di cui si può fare quello che si vuole, e allora è anche vero che per estirpare una convinzione ci vuole tempo. Molto tempo.

“Si può vincere una guerra in due, e forse anche da soli. E si può estrarre il cuore anche al più nero assassino. Ma è più difficile cambiare un’idea”. Così recita una canzone dei Litfiba. Mai parole più giuste furono scritte.

E allora anche ad Avola, come in tanti altri posti del mondo, il 25 novembre, in occasione della “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”, diverse iniziative si svolgeranno per ricordare le tante violenze subite da molte donne e per dire no alla violenza.

Le iniziative sono iniziate in realtà già martedì scorso, 15 novembre, con il convegno: “Violenza contro le donne: analisi del fenomeno, importanza ed operato dei CAV” dove sono intervenuti il Sindaco Luca Cannata, l’assessora alle pari opportunità Simona Loreto, l’ins. Lucia Piccione, presidente della Consulta comunale femminile e l’avvocata Dorotea Romano, Presidente del CAV Doride di Avola.

Questa mattina la Loreto e la Romano sono anche intervenute a Radio Dimensione Suono per promuovere il 25 novembre. Martedì prossimo, 22 novembre, alle 10:00 nel cortile dell’istituto E. Majorana:”Io sono giordana. Gli studenti incontrano Vera Squatrito”. Alle 13 nel parco del centro giovanile “Una panchina rossa contro il femminicidio” che l’amministrazione comunale dedica a Giordana Di Stefano e a tutte le donne vittime di violenza.

Infine il 25 novembre, in occasione della “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne” una serie di appuntamenti. Si parte di mattina con un corteo che sfilerà lungo il corso Vittorio Emanuele con arrivo in Piazza Umberto I (raduno alle 9:30 in piazza Allende). Nella sala Frateantonio del municipio di Avola emozioni, riflessioni e proiezioni di un cortometraggio a cura della prof. Lia Cantamessa.

Poi a partire dalle 17:30 una serie di conferenze nella sala Frateantonio.

Insomma una giornata, anzi un mese,  per dire no alla violenza sulle donne, per dire basta ai soprusi, ai maltrattamenti anche psicologici, ai femminicidi. Per dire sì all’amore, alla parità uomo-donna, al rispetto.

Ilaria Greco

Pubblicità

Ilaria Greco

Direttrice responsabile della testata giornalistica di Canale 8. Laureata presso l'Università degli Studi di Palermo, ha avuto diverse esperienze in varie redazioni giornalistiche sia televisive sia della carta stampata (TV ALFA, TRC, TV Europa, Canale 8, Lu Papanzicu - periodico di informazione, Europubblik - Ravanusa) nonché significative esperienze in alcuni programmi Rai e Sky (L'Italia sul Due, La Vita in Diretta, London Live 2.0, Volo in Diretta, I soliti Ignoti, Sky Calcio Show). Attualmente si occupa giornalmente del telegiornale, prepara servizi televisivi e scrive articoli per sito il web dell'emittente, coordina la redazione, gestisce il sito e ne cura la diffusione. Inoltre conduce il TG, la rassegna stampa, dirette televisive in occasione di eventi importanti nel panorama locale e programmi di approfondimento culturale e politico, di cui spesso è lei stessa l'ideatrice. La passione per la scrittura giornalistica va di pari passo alla scrittura poetica: ha partecipato all’evento internazionale “1oo Thousand Poets for Change” organizzato dalla Stanford University (California) e al concorso “I poeti del mandorlo e della natura” nell’ambito della 69° Sagra del Mandorlo in Fiore e 59° Festival Internazionale del Folklore, ricevendo una menzione speciale. Collabora con l'Istituto Superiore di Giornalismo in qualità di docente/relatrice e collabora all'organizzazione di corsi di aggiornamento. Avendo, inoltre, una preparazione culturale di ambito archeologico, ha collaborato con alcune riviste scientifiche e ha partecipato ad importanti campagne di scavo archeologico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: