Avola – Prova a rubare nella sacrestia della Chiesa Madre alla vigilia di S. Sebastiano, scoperto aggredisce il parroco. Arrestato dalla polizia.

Alla vigilia della festa di S. Sebastiano con la Chiesa Madre di Avola già addobbata per le celebrazioni e con il pellegrinaggio dei fedeli in corso, un 42enne, Sebastiano Rosana, ha pensato male di intrufolarsi, nel pomeriggio di ieri, all’interno della sacrestia dal lato di vicolo Buonarroti. Prima ha tentato di forzare le inferriate di protezione di una finestra a piano terra e, non riuscendoci, ha aperto a suon di calci  il portoncino d’ingresso laterale. Il fragore non è passato inosservato e mentre frugava nei cassetti di un mobile della sacrestia,  pensando magari di poter rubare parte delle offerte o dell’oro che i fedeli offrono in dono proprio per S. Sebastiano, è stato scoperto dal parroco, don Rosario Sultana che, insieme ad alcuni collaboratori pastorali, ha provato a fermarlo, provvedendo, nel frattempo, a chiamare la Polizia. Il Rosana si sarebbe, allora, scagliato contro il parroco, minacciandolo e aggredendolo; ma, il tempestivo intervento degli uomini del Commissariato di Avola è servito a bloccare l’uomo e ad arrestarlo. E’ ora accusato di resistenza e minacce a pubblico ufficiale, tentato furto aggravato e danneggiamento.