ASD Città di Siracusa: gli azzurri si impongono con il punteggio di 3-1 al “Binanti” di Scordia

Città di Siracusa prova di forza. Gli azzurri, in 10 dal 41’ del pt, si impongono con il punteggio di 3-1 al  “Binanti” di Scordia. A segno Catania, Dezai e Crocetti. La soddisfazione di mister Sottil e dell’attaccante Dezai.

Siracusa, 4 ottobre 2015 – Il ruggito del leone. Il Città di Siracusa sbanca con merito per 3-1 il “Binanti” e lancia un messaggio forte alle avversarie. Malgrado l’inferiorità numerica dal 41’ del primo tempoper l’espulsione di Giordano, gli azzurri hanno colto la prima vittoria esterna al termine di una prestazione di spessore.

Per la gara odierna a  porte aperte, Sottil non può disporre di Mascara infortunato e Vindigni squalificato, mentre esordio dal primo minuto per l’ivoriano Dezai con  il nuovo arrivato Longoni che va in panchina.

Agatino Chiavaro che aveva saltato gli ultimi due allenamenti, recupera in extremis e si schiera al centro della difesa con Orefice. Partenza sprint degli azzurri con Dezai in evidenza, con i locali che preferiscono attendere per poi ripartire.

Gli azzurri passano al 24’ con Catania che imbeccato da Dezai trafigge De Miere.   Forti del vantaggio gli uomini di Sottil continuano a macinare gioco e pervengono al 2-0 con Dezai al 35’ .

Siracusani padroni del campo, ma al 41’ una topica difensiva consente ai locali di accorciare le distanze con D’Agosta che trasforma un rigore concesso per un fallo di Giordano su Ousmane. Nell’occasione il difensore azzurro si becca il cartellino rosso,  lasciando in 10 la propria squadra.

Nella ripresa, malgrado l’inferiorità numerica, il Città di Siracusa al 60’potrebbe fare il tris, ma Crocetti spreca da buona posizione. I locali potrebbero impattare al 63’ con Ousmane, sontuosa la risposta di Viola.  Lo stesso sbaglia da buona posizione al 69’ servito da Diop. Un minuto dopo Palermo coglie la traversa, e poi Sibilli non riesce a ribadire a rete. Ancora sessanta più tardi e   Palermo mette sulla testa di Crocetti la palla del 3-1. Non succede più nulla. Il Città di Siracusa ottiene la seconda vittoria consecutiva e continua nella rincorsa alle prime posizioni.

Aveva chiesto una prestazione da squadra. E’ un Andrea Sottil soddisfatto quello che si è presentato in sala stampa dopo la gara. Un successo che dà continuità a quello ottenuto con il Gragnano, e che, nello stesso tempo, serve per il morale in vista della rincorsa alle prime posizioni.

“Non dobbiamo in questo momento guardare la classifica- spiega il tecnico- dobbiamo pensare a crescere, massimo rispetto per gli avversari perché venire a giocare a Scordia non sarà facile per nessuno. Faccio i complimenti ai ragazzi, perché ho visto miglioramenti rispetto al Gragnano. La squadra ha giocato palla a terra, oggi ho visto un’identità di gruppo. Siamo stati aggressivi, tutti bravi anche quelli che sono entrati a gara in corso. C’è grande disponibilità da parte di tutti, basti pensare che Catania ha giocato anche terzino. Non dobbiamo assolutamente specchiarci, dobbiamo essere sempre umili e operai”.

Il tecnico esalta lo spirito di sacrificio della squadra dettato dall’inferiorità numerica.

“Volevo sottolineare che il loro rigore fosse molto dubbio, mentre è stato ignorato uno per fallo su Dezai. E’ stata una mia scelta, quella di non abbassarci troppo ed evitare che lo Scordia guadagnasse terreno. Anche con l’ingresso di Palermo la squadra è stata   equilibrata. Mercoledì in Coppa ci sarà turn- over e spazio a chi ha giocato meno”.

Doveva andare al Noto, invece è rimasto e, al suo debutto, ha fatto anche gol. Tresor Dezai è ovviamente contento della sua prestazione. “Non era bello guardare gli altri giocare – ammette l’ivoriano- ho aspettato il mio turno e ho ripagato la fiducia del mister. Sono felice per il gol e per la squadra perché possiamo fare di più”.

Ilaria Greco

Dettagli tecnici

Città di Scordia- Città di Siracusa 1-3

Città di Scordia: De Miere, Bonaventura, Pirrotta, Caci(46’Diop), Monforte, Fecarotta, D’Agosta, Zumbo, Corona(74’ Bellino), Maimone(33’ Ousmane), Desi.

A disposizione: Barcellona, Russo, Marziale, Messina, Diop, Ousmane, Bellino, Maltese, Sardo.

All: Serafino

Città di Siracusa: Viola, Giordano, Santamaria, Baiocco, Orefice, Chiavaro, Sibilli (82’ Rizzo), Spinelli, Crocetti(74’ Testardi), Catania, Dezai(70’Palermo).

A disposizione:  Evola, Napoli, Liistro, Rizzo, Palermo, Figura, Testardi, Monterosso, Longoni

All Sottil

Arbitro: Meraviglia di Pistoia

Assistente 1 : Affronti di Ostia Lido

Assistente 2 : Oshikawa di Roma 1

Angoli: 6-7

Ammoniti: Zumbo, Dezai, D’Agosta

Espulso: Giordano

Reti: 24’ Catania, 35’ Dezai, 41’ D’Agosta su rigore, 72’ Crocetti

Pubblicità

Ilaria Greco

Direttrice responsabile della testata giornalistica di Canale 8. Laureata presso l'Università degli Studi di Palermo, ha avuto diverse esperienze in varie redazioni giornalistiche sia televisive sia della carta stampata (TV ALFA, TRC, TV Europa, Canale 8, Lu Papanzicu - periodico di informazione, Europubblik - Ravanusa) nonché significative esperienze in alcuni programmi Rai e Sky (L'Italia sul Due, La Vita in Diretta, London Live 2.0, Volo in Diretta, I soliti Ignoti, Sky Calcio Show). Attualmente si occupa giornalmente del telegiornale, prepara servizi televisivi e scrive articoli per sito il web dell'emittente, coordina la redazione, gestisce il sito e ne cura la diffusione. Inoltre conduce il TG, la rassegna stampa, dirette televisive in occasione di eventi importanti nel panorama locale e programmi di approfondimento culturale e politico, di cui spesso è lei stessa l'ideatrice. La passione per la scrittura giornalistica va di pari passo alla scrittura poetica: ha partecipato all’evento internazionale “1oo Thousand Poets for Change” organizzato dalla Stanford University (California) e al concorso “I poeti del mandorlo e della natura” nell’ambito della 69° Sagra del Mandorlo in Fiore e 59° Festival Internazionale del Folklore, ricevendo una menzione speciale. Collabora con l'Istituto Superiore di Giornalismo in qualità di docente/relatrice e collabora all'organizzazione di corsi di aggiornamento. Avendo, inoltre, una preparazione culturale di ambito archeologico, ha collaborato con alcune riviste scientifiche e ha partecipato ad importanti campagne di scavo archeologico.