|VIDEO| Siracusa, Verso la nascita di un camposcuola naturale per gli sport acquatici

Siracusa, 30 ottobre 2014 ore 18:02 – Siracusa avrà un camposcuola nautico in cui convogliare gli appassionati di tutti gli sport acquatici. L’idea, lanciata nelle scorse settimane in occasione delle Festa dello sport organizzata dal Comune, comincia a prendere corpo grazie all’iniziativa dell’assessore Maria Grazia Cavarra, che stamattina ha raccolto attorno a un tavolo i circoli e le associazioni interessati gettando le basi per il lavoro futuro.
Il progetto al quale si sta lavorando è di delimitare un’area marina tra il Porto piccolo e il Porto grande, fino a spingersi alla costa di contrada Isola, nella quale individuare delle zone in cui praticare le diverse discipline attrezzandole delle strutture necessarie. Il camposcuola nautico sarà aperto anche ai turisti e avrà una reception, alla quale fare riferimento per gli aspetti logistici, e una serie di servizi differenziati funzionali alle diverse specialità. Tutto sarà accessibile anche via web così da potersi prenotare e facilitare l’organizzazione delle attività.     “L’idea  – afferma l’assessore alle Politiche sportive, Cavarra – ha avuto un forte riscontro tra gli appassionati del mare. Siracusa, in questo senso, ha una sua tradizione poiché, prima della costruzione della Cittadella, le discipline d’acqua si praticavano nel porto; soprattutto, come accade in maniera diffusa nei laghi, sempre più persone oggi praticano il nuoto  in ambiente naturale o si dedicano alle arrampicate delle falesie, attività che possono attirare flussi turistici se opportunamente pubblicizzate, giocando la carta delle peculiarità e della bellezza del nostro mare e della costa”.     L’iniziativa trova il supporto della Capitaneria di porto, dell’Area marina protetta del Plemmirio, della Consulta civica e della Consulta comunale giovanile; inoltre si apre anche alle scuole, per la diffusione delle discipline acquatiche, come dimostra la presenza alla riunione del coordinatore per l’Educazione fisica dell’Ufficio scolastico provinciale, Sebastiano Zammitti. All’incontro hanno partecipato: i circoli Ribellino, Magister marinae, Lakkios, Mare a vela; la Lega navale; il Gruppo roccia Siracusa; il Team nuoto Siracusa; un gruppo di kayak amatoriale. Presenti anche il consigliere comunale Francesco Pappalardo, in veste di collaboratore tecnico dell’assessore, l’architetto Lara Grana, che si occuperà del rispetto dell’ambiente marino e della biodiversità, e lo storico dello sport, Enzo Pennone. “La campagna di adesione di altri sodalizi – conclude l’assessore Cavarra – è ancora aperta. Intanto registro con piacere la disponibilità dell’Area marina protetta a offrire un locale da adibire a reception. Torneremo a riunirci tra un mese; nel frattempo proporremo idee e faremo il punto delle attrezzature necessarie per l’organizzazione logistica del camposcuola nautico”.

Paolo Picone

Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: