Uno spot per sensibilizzare i media verso un’informazione corretta nei casi di violenza sulle donne. Da Siracusa un gruppo di giornaliste accoglie l’iniziativa lanciata a livello nazionale dalle colleghe di GiULiA

Siracusa, 06.03.2015  – “Quel che dicono i giornali incide, quel che dicono i tg incide..” è questo il tema portante dello spot realizzato da un gruppo di giornaliste siracusane e non, su impulso delle colleghe di GiULiA (Giornaliste libere e autonome), sul tema dell’importanza del linguaggio nel raccontare i casi di violenza alle donne. Il lavoro, per sensibilizzare, proprio a partire dai mezzi di informazione, sulla necessità dell’uso di un linguaggio non colpevolizzante e/o giudicante nei confronti delle donne, nei casi di maltrattamenti, stupri o peggio ancora di femminicidio. Ancora oggi molte, troppe notizie nel nostro Paese, come recita lo slogan dello spot, finiscono per “abusare” delle vittime un’altra volta. Dai titoli dei giornali o nei servizi video dei tg, laddove si parla dell’abbigliamento della vittima o ancora di “raptus di follia” o ancora di “omicidio passionale”si sottintende colpevolmente non soltanto una implicita responsabilità della donna in quello che ha subito ma anche e soprattutto si minimizza la gravità dei crimini commessi, quasi a giustificare in qualche maniera il comportamento del maschio violento. Alla realizzazione del video, girato presso la Casa del Libro di Siracusa, per la quale si ringraziano ancora per lo spunto offerto le colleghe di GiULiA, hanno partecipato le giornaliste: Alessandra Privitera, Silvia Caruso, Carmen Argentino, Nadia Germano, Rosa Tomarchio, Sabina Zuccaro, Marilia Di Giovanni, Pia Parlato, Silvana Baracchi, Eleonora Zuppardi, Graziella Ambrogio, Maria Grazia Cavarra, Patrizia Tidona, Ilenia Paciello e Amelia Cartia(Ragusa). Un ringraziamento speciale va alla fotografa Elojsa Burlò per l’enorme pazienza, l’ironia e la grande professionalità regalataci. Lo spot verrà ufficialmente presentato domani, alle ore 9.30, presso la sala multimediale della ex Provincia regionale di Siracusa in via Brenta, 41 in occasione del conferenza sul tema “Decliniamo al femminile – Oltre il maschile grammaticale universale” organizzata dalla R.C.A.(Rete Centri Antiviolenza) di Raffaella Mauceri, che vedrà come ospite d’onore la giornalista ed esperta in tematiche di genere, Irene Giacobbe.

(Nelle foto i momenti del backstage durante la realizzazione dello spot)

spot backstage1 spot backstage2

Pubblicità

Ilaria Greco

Direttrice responsabile della testata giornalistica di Canale 8. Laureata presso l'Università degli Studi di Palermo, ha avuto diverse esperienze in varie redazioni giornalistiche sia televisive sia della carta stampata (TV ALFA, TRC, TV Europa, Canale 8, Lu Papanzicu - periodico di informazione, Europubblik - Ravanusa) nonché significative esperienze in alcuni programmi Rai e Sky (L'Italia sul Due, La Vita in Diretta, London Live 2.0, Volo in Diretta, I soliti Ignoti, Sky Calcio Show). Attualmente si occupa giornalmente del telegiornale, prepara servizi televisivi e scrive articoli per sito il web dell'emittente, coordina la redazione, gestisce il sito e ne cura la diffusione. Inoltre conduce il TG, la rassegna stampa, dirette televisive in occasione di eventi importanti nel panorama locale e programmi di approfondimento culturale e politico, di cui spesso è lei stessa l'ideatrice. La passione per la scrittura giornalistica va di pari passo alla scrittura poetica: ha partecipato all’evento internazionale “1oo Thousand Poets for Change” organizzato dalla Stanford University (California) e al concorso “I poeti del mandorlo e della natura” nell’ambito della 69° Sagra del Mandorlo in Fiore e 59° Festival Internazionale del Folklore, ricevendo una menzione speciale. Collabora con l'Istituto Superiore di Giornalismo in qualità di docente/relatrice e collabora all'organizzazione di corsi di aggiornamento. Avendo, inoltre, una preparazione culturale di ambito archeologico, ha collaborato con alcune riviste scientifiche e ha partecipato ad importanti campagne di scavo archeologico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: