Rinvio a giudizio per Cannata, mercoledì la decisione del GIP, intanto oggi Cannata parla alla città

Rinvio a giudizio per Cannata, mercoledì la decisione del GIP, intanto oggi Cannata parla alla città

Sarebbe stato determinante il parere del nuovo prefetto per l’archiviazione  nei confronti del Consiglio comunale di Avola. Mercoledì si esprime il GIP sul procedimento penale pendente sul sindaco Cannata

Rinvio a giudizio per Cannata, mercoledì decide il Gip.

Alla luce del decreto del Ministro dell’inteno, Cannata ha pensato bene di parlare in questi minuti alla cittadinanza presso il palazzo di città (sala Frateantonio) per relazionare sull’evento storico vissuto da Avola a parere del sindaco.

Partiti ieri gli sms e i messaggi tam tam sui social dello staff del sindaco per avvertire del comizio in cui il primo cittadino  potrebbe ancora una volta sferrare un nuovo attacco alla Polizia, come d’altronde ci ha abituato?

Il primo cittadino ha più volte puntato il dito sul vice questore Fabio Aurilio, dirigente della Commissariato di Avola, che a suo dire lo avrebbe perseguitato.

La Polizia ha, dal canto suo, fatto sempre il proprio dovere. Se fosse stato come dice Cannata oggi staremo raccontando un’altra storia e non l’archiviazione della procedura avviata dal prefetto.

Intanto, in attesa della decisione del GIP prevista per mercoledì sul rinvio a giudizio di Cannata e di altre 17 persone, questo pomeriggio il sindaco sta parlando alla città.

Appuntamento da non perdere quindi!

Un anno di indagini, di carte prelevate dal Comune  fino all’inverosimile.

Oggi, inaspettatamente, ma per fortuna dei cittadini avolesi, ci ritroviamo di fronte ad una situazione senza precedenti.

Il Comune di Avola a differenza di Augusta e Pachino e di tanti altri in tutta la Sicilia viene “graziato” anche se, pare, una parte politica stia già preparando l’accesso agli atti in prefettura per sapere cosa ha scritto la commissione prefettizia.

Rinvio a giudizio per Cannata, mercoledì la decisione del GIP
Il nuovo prefetto Giuseppa Scaduto

Ma andiamo ai fatti.

Il prefetto Luigi Pizzi che ha attivato l’indagine invia la commissione prefettizia al Comune di Avola. Siamo a maggio 2019.

Per mesi gli ispettori hanno prelevato documenti e ispezionato tutte le determine del Comune.

Poi il prefetto Pizzi va in pensione.

Il vice prefetto Romano lo sostituisce fino alla nomina del nuovo prefetto.

Il Ministro degli interni Lamorgese il 2 dicembre scorso nominava la dottoressa Giuseppa Scaduto nuovo prefetto di Siracusa.

Sarà il prefetto Giuseppa Scaduto a dare il suo parere sulle sorti del Comune di Avola relazionando il 27 dicembre alla luce di quanto scritto dalla commissione,

ed evidenziando l’insussistenza delle condizioni per l’applicazione della normativa che comporterebbe lo scioglimento del Consiglio comunale.

Saremmo curiosi di sapere cosa hanno scritto gli ispettori in quella relazione consegnata a il 12 Novembre scorso al prefetto?

E poi,  i motivi che il prefetto ha ritenuto irrilevanti saranno considerati tali mercoledì prossimo anche dal GIP,

visto che il Borgo marinaro sarebbe tra gli argomenti “incriminanti” per la questione scioglimento del Comune.

Attendiamo fiduciosi che la verità trionfi.

Cannata, pertanto,  potrebbe essere processato per falso o viceversa ottenere anche per questo procedimento l’archiviazione.

 

Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: