Noto: Controlli della polizia, denunciato un uomo, rinvenute valige rubate e intervento per un tentato suicidio

Nella giornata di ieri, Agenti della Polizia di Stato, in servizio al Commissariato di Noto, al termine di un’attenta attività investigativa, hanno deferito C.S. (classe 2000) residente in provincia di Caserta, conosciuto alle forze di polizia, per il reato di Truffa.

Nel periodo natalizio, la vittima del raggiro, un uomo (classe 1952) di Noto, ha denunciato di essere stato truffato, riferendo di aver acquistato on line, come regalo per la moglie, un cucciolo di razza, per un valore di 500 euro. Dopo aver pagato l’intero importo, il venditore non inviava l’animale e si rendeva irreperibile.

 

Inoltre, nel pomeriggio di ieri, nel corso del servizio di controllo del territorio, un equipaggio delle volanti del Commissariato rinveniva, in c.da Eloro/Pizzuta, delle valige contenenti documenti, abbigliamento, biglietti aerei, vari hard disk, agende, cofanetti con bracciali e zaini, provento di furto. In particolare, considerato il luogo insolito del rinvenimento e presagendo che il materiale in questione fosse della refurtiva sottratta a qualche malcapitato turista, gli Agenti espletavano celeri indagini finalizzate a risalire ai proprietari delle valige. Si accertava, pertanto, che gli oggetti in questione erano stati trafugati ad alcuni turisti canadesi che, dopo essere stati rintracciati rientravano così in possesso della refurtiva recuperata.

Infine, alle ore 14.35 di ieri, Agenti del Commissariato intervenivano in un’abitazione sito nel centro di Noto ove un uomo aveva tentato il suicidio.

I Poliziotti, dopo essere entrati nell’appartamento, grazie all’intervento dei Vigili del Fuoco, prestavano i primi soccorsi all’uomo che si era tagliato una vena del braccio destro e versava in gravissime condizioni. Sul posto giungevano subito dopo anche i sanitari del 118 che hanno stabilizzato il paziente e lo hanno trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Noto ed, in seguito, presso il reparto di chirurgia vascolare dell’ospedale Umberto I di Siracusa. Il tentativo di suicidio è da ricondurre a vicende sentimentali ed alla presunta rottura della relazione con la fidanzata e non ha avuto più gravi conseguenze grazie all’immediato intervento degli uomini del Commissariato di Noto ed alla perizia dei soccorritori.