L’Etna si è risvegliata. – Due colate laviche generate da due nuove fratture.- Non ci sono problemi per l’attività dell’aeroporto di Catania.

L’Etna è svegliata. Due colate laviche sono partite da due fratture apertesi sul fianco nord-orientale di un nuovo cratere e alla base del vecchio cratere di sud-est. La prima colata sommitale è partita alle 3,35 mentre la seconda è stata registrata alle 5,37. La nuova attività del vulcano per ora non preoccupa perché i fenomeni riguardano appunto la zona sommitale e non rappresentano un pericolo. Si tratta di una nuova fase eruttiva dell’Etna che potrebbe finire ben presto o continuare per diverse settimane. Non ci sono problemi per le attività dell’aeroporto di Catania che rimane regolarmente operativo. L’attività del vulcano è monitorata dall’Osservatorio etneo dell’Ingv di Catania.

 

Pubblicità