Ex Province, qualcosa si muove. Lunedì l’incontro a Palermo con gli “onorevoli” siciliani.

 

Dipendenti di Siracusa in attesa: passerà ancora qualche settimana prima di ricevere qualche stipendio arretrato.

“Eppur si muove”. Qualche buona novità, finalmente, per le “disgraziate” ex Province regionali della Sicilia e, quindi, anche per i dipendenti del Libero Consorzio di Siracusa da mesi, ancora una volta in tre anni, senza stipendio. La prima riguarda l’approvazione della legge Finanziaria all’Ars che stanzia risorse dedicate a questi enti sovracomunali per 150 milioni. Adesso toccherà attendere il riparto e quindi l’assegnazione provincia per provincia prima del trasferimento effettivo nelle casse delle banche tesoriere. Qualche altra settimana insomma. L’altra novità riguarda l’incontro fissato per lunedì mattina alle ore 11, alla Presidenza della Regione, dal Presidente Musumeci.
In contemporanea ci sarà un sit in dei dipendenti delle ex Province che sono in stato di agitazione. Da Siracusa dovrebbe partire un pullman. Deputati e Senatori, eletti in Sicilia, e organizzazioni sindacali assieme attorno ad un Tavolo per affrontare la delicata questione della crisi finanziaria che sta attraversando pesantemente i Liberi Consorzi e le Città Metropolitane.

Sarà proficuo questo incontro ? Parteciperanno deputati regionale e nazionali e senatori siciliani a questo tavolo ? Vedremo l’interesse e gli impegni che manifesteranno in questo caso.

Intanto la Floreno, Commissario straordinario dell’ente di Siracusa, dopo le proteste dei dipendenti sfociate nella richiesta di sue dimissioni, ieri si è affrettata a comunicare che a Palermo, fra le altre iniziative, si è costituito l’ennesimo “tavolo tecnico” con funzionari amministrativi e contabili della Regione e docenti universitari per analizzare lo stato dei Liberi Consorzi Comunali e provvedere così, per quanto possibile, alle necessità di ciascun ente per avere un quadro esauriente dell’attuale situazione, per stabilire un nuovo dialogo con il Governo gialloverde per soluzioni proficue e definitive. Un modo per dire “pazientate, state calmi, stiamo lavorando per voi”. Sempreché queste iniziative siano portate avanti con una contemporanea corretta gestione dell’Ente siracusano.
Non risulta’ infatti, che alcuni atti non proprio legittimi, soprattutto nella gestione delle risorse umane, siano stati annullati dall’attuale gestione commissariale e dal nuovo segretario generale: incarichi privi di valutazioni annuali, attribuzioni di competenze non previste nel R.o.u.s, riconoscimenti contrattuali non ancora liquidati, nomine di responsabili dei settori non supportate da valutazioni di servizio. Una gestione che ricalca tante incongruenze ereditate dalla passata gestione commissariale e non ancora corrette che traspare dalle pubblicazioni degli atti.
Vedremo come si articolerà la situazione nei prossimi giorni e quanto tempo ancora dovranno attendere i dipendenti del Libero Consorzio Comunale di Siracusa per ricevere quanto loro dovuto.