Il presidente di Unionports Davide Fazio, invia lettera aperta al Presidente della Regione Sicilia

Il presidente di Unionports  Davide Fazio, in rappresentanza delle aziende che operano nel porto di Augusta,  invia lettera aperta al Presidente della Regione Sicilia  On.le Nello Musumeci  dopo le esternazioni di quest’ultimo che aveva nei giorni scorsi attaccato le industrie di raffinazione nella provincia di Siracusa.

 

Egr. On.le  Presidente Musumeci  , mi permetta di dissentire  decisamente  rispetto alle sue dichiarazioni  di guerra a mezzo stampa alle industrie di raffinazione petrolifera .

Forse Lei per “isola green” intende  una Sicilia fatta di erba e pascoli? O, come mi auguro, intende una regione con industrie ed attività economiche ecostostenibili?  Una sostenibilità che, come lei può osservare in molte parti del mondo industrializzato e più sensibile del nostro alle esigenze dell’ambiente, è possibile.

In tutto il mondo, caro Presidente  l’industria è compatibile con turismo, agricoltura etc. Anzi, come ogni  modesto conoscitore di economia sa,  tutte le attività sono interconnesse ed interdipendenti. Un paese non industrializzato non si potrebbe permettere cittadini turisti. E’ fin troppo chiaro.

Pensiamo che le  sue esternazioni siano dettate dalle migliori intenzioni e non da ragionamenti legati alla contingenza politica o per conquistare  facili consensi.

La politica, Lei ci insegna, deve avere una visione e quindi amministrare.

Ed è coretto che lei abbia una visione  green della nostra regione. Sa anche che per fare arrivare turisti  occorre avere strade ben tenute, collegamenti efficaci ed efficienti, pulizia per le strade, musei aperti, promozione del brand di un  territorio, etc. Come per sviluppare agricoltura, servizi, piccole industrie, siano necessari infrastrutture, porti efficienti. Molte di queste cose di competenza della Regione.

Insomma la dimensione del green e della sostenibilità di un territorio  è molto ben più ampia dei problemi che possono porre le industrie. Industrie che, siamo d’accordo, vanno controllate e stimolate a fare investimenti ecocompatibili. Ed anche questo è compito della politica oltre che degli organi di controllo che dalla politica vengono governati.

Non ci sembra, caro Presidente, che per fare diventare green l’isola si possano distruggere migliaia di posti di lavoro, annullare una storia industriale in una posizione strategica nel Mediterraneo,  mettere un muro fra oggi ed il futuro. Come è possibile, ci dica, sostituire nel breve e medio periodo , almeno per quanto riguarda la provincia di Siracusa,  oltre il 50 per cento del PIL ?