Video – Esclusivo: la denuncia di una maestra, il giardino del museo Orsi nel totale abbandono

Il giardino del Museo archeologico Paolo Orsi versa nel più assoluto degrado. Alberi divelti, rifiuti, erbacce, percorsi “en plein air” chiusi ai visitatori dai nastri da cantiere. A notarlo durante una visita scolastica è l’insegnante di Storia e Geografia dell’Istituto comprensivo Lombardo Radice (autrice del video) Mimma De Corrado. “Oggi siamo in uscita didattica con la scuola, con la mia classe, bisogna denunciare è incredibile – tuona la maestra Mimma De Corrado – qua addirittura l’albero è caduto. Io non credo che non ci sia un giardiniere, dovrebbe esserci, per pulire. E’ una vergogna. L’erbaccia è ormai alta non so quanti metri. Spazzatura. Tutto questo dentro il parco del giardino del Museo Paolo Orsi – vergogna”. Dalla direzione del Museo fanno sapere che le condizioni del parco che circonda Villa Landolina sono peggiorate a causa del nubifragio dei giorni scorsi. Secondo la direttrice Maria Musumeci occorrono finanziamenti per garantire la manutenzione ordinaria e straordinaria del verde e purtroppo questi sono puntualmente in ritardo. La questione quindi è sempre: la mancanza di risorse. Il Museo non ha ancora un’autonomia economica e dipende in tutto e per tutto dall’assessorato regionale ai Beni culturali. Dentro il Museo, intanto c’è pure un ascensore fuori uso. Anche per quello si aspettano i fondi dalla Regione. Cosa aspettarci dal futuro? Pare che all’interno del Museo sia previsto un piccolo bar, senza tavolini, senza ombrelloni però, per non intaccare il rispetto dell’area archeologica. Rispetto attualmente in discussione. Tutto dipende dai soldi di un grande progetto, anche questo in attesa di finanziamento. I tempi saranno lunghi, talmente lunghi che pure il sito dell’assessorato regionale ai Beni culturali deve essere ancora aggiornato. Manca il nome dell’attuale direttore.

Melania Sorbera

Pubblicità