Siracusa: Venerdì si presenta il libro Don Pino Puglisi

Venerdì prossimo alle ore 19.30, nella chiesa della Sacra Famiglia a Siracusa, sarà presentato il volume di Francesco Deliziosi: “Don Pino Puglisi, Se ognuno fa qualcosa si può fare molto” Le parole del prete che fece paura alla mafia, Bur – Rizzoli con prefazione di monsignore Corrado Lorefice, arcivescovo di Palermo. L’iniziativa, promossa dall’Ucsi Siracusa, dalla Parrocchia Sacra Famiglia e dall’Oratorio Anspi della Sacra Famiglia con la collaborazione dell’Acec. Ancci, Ufficio Nazionale per le Comunicazioni sociali, Fondazione Comunicazione e Cultura. è inserita in preparazione alla venuta a Palermo di papa Francesco, prevista per il 15 settembre.  Alla presentazione interverranno, dopo i saluti e l’introduzione di don Claudio Magro, parroco della chiesa Sacra Famiglia, l’arcivescovo di Siracusa Monsignore Salvatore Pappalardo, il caporedattore centrale del Giornale di Sicilia Francesco Deliziosi, giornalista  e autore del libro, nonché allievo e amico di don Pino Puglisi.  Modera il presidente provinciale dell’Ucsi di Siracusa Salvatore Di Salvo, che è anche consigliere nazionale dell’Ucsi.

L’autore del volume è il giornalista Francesco Deliziosi (caporedattore centrale del Giornale di Sicilia a Palermo) che è stato amico per 15 anni di Don Puglisi. Ha condiviso con lui in particolare i tre anni di Brancaccio, è stato componente della commissione diocesana per l’istruzione della Causa e collaboratore del Postulatore fino al riconoscimento del martirio. I documenti raccolti ora in volume sono frutto delle sue continue ricerche negli anni successivi al delitto. Per Rizzoli ha anche scritto “Pino Puglisi – il prete che fece tremare la mafia con un sorriso”, che per il XXV del delitto torna nelle librerie in una edizione arricchita con la storia della beatificazione e un capitolo su “La Chiesa di Bergoglio e la mafia” nel quale si sottolineano le numerose affinità tra le scelte di Don Puglisi e le indicazioni pastorali del Papa.

Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: