Siracusa, “Per fare un teatro ci vuole una città”. Grande successo al Massimo comunale

Siracusa 10 gennaio 2017. Grande successo e applausi a scena aperta per lo spettacolo “Per fare un teatro ci vuole una città”. L’esibizione è stata messa in scena sul palco del Teatro massimo comunale al termine di tre giorni di laboratorio che hanno visti impegnati non solo attori professionisti ma anche bambini, genitori, musicisti, famiglie e volontari di varie associazioni presenti sul territorio di Siracusa.

Lo spettacolo è stato promosso dall’assessorato alle Politiche culturali del Comune insieme all’Accademia d’arte del dramma antico, alla Biblioteca comunale, a Siracusa città educativa e al Progetto Proagòn. L’obiettivo è stato proprio quello di far incontrare attori professionisti e persone non necessariamente appassionate di teatro per costruire un pubblico di spettatori e fare avvicinare quanta più gente possibile all’arte del teatro. Al tempo stesso attraverso i testi di grandissimi artisti si è voluta mettere in atto una vera e propria riflessione sul valore e la funzione del teatro per la crescita, non solo culturale, di una città.

E’ così che 150 persone, di tutte le età, si sono messe in gioco su testi di Aristofane, William Shakespeare, Sofocle, Luigi Pirandello, Anton Čechov, Victor Hugo, Konstantin Sergeevič Stanislavskij e Karl Valentin. Lo spettacolo è stato curato da Michele Dell’Utri con la drammaturgia di Giuseppina Norcia e la partecipazione di Simonetta Cartia, Attilio Ierna e Doriana La Fauci, attori professionisti e docenti dell’Accademia d’arte del dramma antico. Proprio la scuola di teatro della Fondazione Inda ha dato un grande contributo all’iniziativa grazie alla partecipazione degli allievi delle sezioni Junior e Primavera, riservate a bambini e ragazzi dai 5 anni in su, e ad alcuni giovani attori della sezione “Giusto Monaco”.

La messa in scena ha poi visto gli attori impossessarsi letteralmente del teatro e recitare non solo sul palcoscenico ma anche dai palchi del bellissimo teatro riaperto lo scorso 26 dicembre dopo essere stato chiuso per 58 anni e tra il numeroso pubblico presente in sala. A esibirsi anche alcuni ragazzi ospiti delle “Sprar” e dei centri di accoglienza presenti sul territorio. I giovani, qualcuno arrivato in Italia solo da qualche settimana, hanno suonato e recitato insieme ai ragazzi dell’Accademia recitando sia in francese che in italiano un brano di Amleto di Shakespeare. Nel corso dello spettacolo anche un brevissimo sketch con protagonisti gli assessori comunali alle Politiche culturali Francesco Italia e alle Politiche giovanili Valeria Troia che hanno anche preso parte ai tre giorni di laboratorio al Teatro massimo.

Pubblicità

Ilaria Greco

Direttrice responsabile della testata giornalistica di Canale 8. Laureata presso l'Università degli Studi di Palermo, ha avuto diverse esperienze in varie redazioni giornalistiche sia televisive sia della carta stampata (TV ALFA, TRC, TV Europa, Canale 8, Lu Papanzicu - periodico di informazione, Europubblik - Ravanusa) nonché significative esperienze in alcuni programmi Rai e Sky (L'Italia sul Due, La Vita in Diretta, London Live 2.0, Volo in Diretta, I soliti Ignoti, Sky Calcio Show). Attualmente si occupa giornalmente del telegiornale, prepara servizi televisivi e scrive articoli per sito il web dell'emittente, coordina la redazione, gestisce il sito e ne cura la diffusione. Inoltre conduce il TG, la rassegna stampa, dirette televisive in occasione di eventi importanti nel panorama locale e programmi di approfondimento culturale e politico, di cui spesso è lei stessa l'ideatrice. La passione per la scrittura giornalistica va di pari passo alla scrittura poetica: ha partecipato all’evento internazionale “1oo Thousand Poets for Change” organizzato dalla Stanford University (California) e al concorso “I poeti del mandorlo e della natura” nell’ambito della 69° Sagra del Mandorlo in Fiore e 59° Festival Internazionale del Folklore, ricevendo una menzione speciale. Collabora con l'Istituto Superiore di Giornalismo in qualità di docente/relatrice e collabora all'organizzazione di corsi di aggiornamento. Avendo, inoltre, una preparazione culturale di ambito archeologico, ha collaborato con alcune riviste scientifiche e ha partecipato ad importanti campagne di scavo archeologico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: