Regione: il presidente Musumeci in visita a Ramacca (CT)

Si tratta di una delle visite istituzionali del governatore

Regione: il presidente Musumeci in visita a Ramacca (CT)

Regione: il presidente Musumeci in visita a Ramacca (CT)

Lunedì 30 settembre, il presidente della Regione Siciliana, si recherà per una visita istituzionale al Comune di Ramacca, che si trova in provincia di Catania.

Alle ore 10 del mattino, Nello Musumeci andrà al Palazzo municipale.

Ad attenderlo il sindaco del paese, Giuseppe Limoli.

Regione: il presidente Musumeci in visita a Ramacca (CT)

A seguire, il presidente avrà l’appuntamento con la Giunta ed il presidente del Consiglio comunale.

Successivamente, il governatore, con la compagnia di Rosalba Panvini, soprintendente ai Beni culturali dell’etneo, andrà nell’area archeologica “Castellitto”.

Infine, ci sarà un sopralluogo sulla SS 417 Catania-Gela, precisamente in prossimità dell’incrocio con la Provinciale Ramacca-Palagonia, momento clou della giornata.

Tale tratto autostradale(e precisamente il cavalcavia) era stato danneggiato dall’alluvione dell’ottobre 2018.

Grazie al finanziamento di un milione e 250 mila euro, profuse dal dipartimento della Protezione civile della Presidenza della Regione Siciliana, sotto la direzione di Calogero Foti, ci saranno i lavori di demolizione e ricostruzione dell’infrastruttura.

Attualmente, è chiusa al traffico, nonostante la sua essenziale funzione per la viabilità e per l’economia del posto.

Queste le parole del governatore Musumeci: “Il progetto, rientra nell’elenco di un’apposita ordinanza di Protezione civile.

Il fatto di poter già contare su questi fondi conferma la celerità con la quale abbiamo rivolto la nostra attenzione alla situazione di disagio e di pericolo che si era venuta a creare.

Oggi trovano risposta le legittime richieste che provenivano da quel territorio affinché il problema potesse trovare una rapida soluzione.

Abbiamo il dovere di assicurare la funzionalità delle strade dell’Isola,

rendendole sempre più sicure e, per quanto riguarda le nostre competenze, ci faremo trovare sempre pronti”.

Sarà bandita, la prossima settimana, la gara d’appalto per i lavori.

Il termine dei lavori dovrebbe esserci tra sei mesi.

 

Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: