(Video) Piano sanitario regionale stoppato prima dalla Commissione dell’Ars e ora dal Consiglio di Stato

Il parere della Commissione sanità dell’Ars non è vincolante ai fini della rimodulazione del Piano regionale sanitario illustrato l’altro giorno dall’assessore Lucia Borsellino non senza forti prese di posizione soprattutto per la trasformazione di 8 nosocomi in ospedali di comunità. E mentre oggi gli organi d’informazione registrano la presa di posizione dei Sindaci che vi si oppongono, fra cui quello della città di Noto, Bonfanti , il cui ospedale Trigona rientrava fra gli 8 da convertire, arriva la censura del Consiglio di Stato che disapprova il Regolamento col quale il Governo nazionale ha dettato le linee guida per la rimodulazione di ospedali e posti letto. Confusione su confusione, la Borsellino vola a Roma, al Ministero, per  capire come procedere mentre il Piano regionale andrà nel congelatore per un anno in attesa di una nuova rimodulazione che parta dalla raccomandazione dei giudici amministrativi del Consiglio di Stato che raccomandano all’Amministrazione centrale una rilettura e riscrittura dell’intero testo. Lo stesso testo sul quale è stato formulato il Piano siciliano.

Andrea Bologna

 

Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: