Dissesto Idrogeologico e Tutela del territorio, presentato il DDL che istituisce il fondo per l’assunzione di Geologi e Ingegneri Naturalistici

“Misure urgenti per la messa in sicurezza del territorio della Regione e per la prevenzione del rischio idrogeologico aumentato in conseguenza dei mutamenti climatici”. Questo il titolo del Disegno di legge presentato lo scoirso 14 marzo a firma anche di Giovanni Cafeo, segretario della III Commissione ARS Attività Produttive.

“Investendo su professionalità nel campo delle scienze della terra, come geologi ed ingegneri  naturalistici – comunica Cafeo – si possono avviare adeguate azioni di prevenzione e di salvaguardia del territorio nonché la rimozione delle cause che generano il dissesto, come azioni antropiche incontrollate,  inefficiente o inadeguata  pianificazione territoriale”.

Oltre il 92% dei comuni siciliani sono infatti soggetti ad un serio rischio di dissesto idrogeologico e con una storia drammatica alle spalle, fatta di decine di vittime e danni stimati per oltre 3,3 miliardi di euro, diventa urgente e necessario, anche in conseguenza  dei cambiamenti climatici unitariamente riconosciuti irreversibili, mettere in campo per la Sicilia strumenti di prevenzione e di messa in sicurezza del territorio.

“Per questi motivi – prosegue l’on. Cafeo – abbiamo presentato la proposta di istituire il fondo Rischi Idrogeologici, con una dotazione finanziaria iniziale di 3 milioni di euro, destinato ai comuni “che assumano nel proprio organico, anche con contratti a termine e previa selezione pubblica, idonee professionalità nel campo delle scienze della terra, ovvero geologi con esperienza in analisi territoriali correlate ai sistemi idrico e geologico nell’ambito della pianificazione idrogeologica, territoriale, paesaggistica ed ambientale nonché ingegneri naturalistici per la messa in campo di interventi di ingegneria naturalistica mirati al contrasto dell’erosione del terreno ed alla sua stabilizzazione.”