Siracusa: Il consigliere Costantino interviene sulla prima seduta civica: “uno schiaffo alla città, si è persa l’occasione per in confronto democratico”

Ha diviso a metà i consiglieri comunali la prima seduta civica di questo governo che ha visto l’espulsione del consigliere Ansaldi per “inelegibilità”. A difendere l’ormai ex consigliere è Salvo Costantino che parla di un’occasione persa per la città relativamente al primo consiglio comunale.

“Il primo e tanto atteso consiglio comunale si è concluso con un flop e uno schiaffo all’intera città e ai cittadini che con il loro voto ci hanno dato fiducia ai neoeletti consiglieri” sono queste le parole del consigliere comunale Salvatore Costantino. “Si è persa l’occasione del dialogo necessario per il rilancio della città. Una parte del consiglio comunale – afferma il consigliere Costantino – ha deciso di mostrare subito i muscoli, nonostante avessi augurato in apertura dei lavori un buon lavoro a tutti i colleghi, sollevando la questione della ineleggibilità del consigliere Pippo Ansaldi (uomo di altissima moralità a cui non faremo mancare il nostro sostegno e solidarietà) e alzando i toni dello scontro”.

Il consigliere Salvatore Costantino è intervenuto chiedendo il parere della dottoressa Costa, segretario generale sull’argomento, la quale ha sottolineato come non sussistessero profili di ineleggibilità. Tuttavia si è compreso subito che taluni avevano deciso che dovesse finire in bagarre.

“Ritengo che la responsabilità politica di questa pessima figura – conclude Salvatore Costantino – nei confronti della città in questa prima assise e le conseguenti ripercussioni sui cittadini siano da attribuire ad una parte delle liste a sostegno di Reale che ha scelto la strada dello scontro frontale in barba agli interessi dei cittadini”.