|VIDEO ESCLUSIVO| Siracusa: riapre dopo tanti anni il teatro comunale. Intervista esclusiva all’assessore alla Cultura Francesco Italia

Siracusa, 5 gennaio ’17 – In riferimento alle polemiche sollevate sulla riapertura del Teatro massimo comunale, questa la ricostruzione del vice sindaco e assessore ai Beni e alla politiche culturali, Francesco Italia.

“I tentativi più o meno maldestri, più o meno in buona fede, di attribuirsi i meriti della riapertura del nostro prezioso teatro o di gettare ombre di ogni sorta sulla stessa, ci offrono nuove e inattese opportunità per chiarire ulteriormente vicende non del tutto esplorate.

“In ogni occasione pubblica, né io né il sindaco abbiamo mancato di riconoscere alle precedenti amministrazioni il merito di aver destinato somme cospicue ai lavori strutturali e di completamento del teatro. Bisognerebbe ricordare – e questa nota ce ne offre occasione – che non si tratta sempre e soltanto di quanto si spende, ma anche di come si spende. Se per ciò che concerne le opere strutturali non abbiamo riscontrato alcuna evidente anomalia, rispetto agli impianti, ed in particolare per ciò che riguarda uno dei più importanti, quello antincendio, non possiamo dire altrettanto.

“Certo, appare davvero molto strano che nessuno delle precedenti amministrazioni avesse mai riscontrato che tale impianto perdesse da tutti i punti di giunzione, che non fosse mai di fatto entrato in esercizio, che fosse stato realizzato in modo differente rispetto al progetto e con materiali difformi. Eppure è la prima cosa che abbiamo notato entrando nel teatro già nei primissimi mesi del nostro mandato, nel 2013. Ciò che dico, evidenziato prima da un perito di parte e poi da un perito nominato dal giudice, non è certo una novità e il sindaco Visentin dovrebbe sapere che non si trattava certamente solo di “sostituire con una modica spesa alcuni giunti”. Tanto è vero che, per ottenere il placet della commissione, abbiamo dovuto fare totalmente a meno di quell’impianto costato alla collettività poco meno di 1 milione di euro! Esistono, inoltre, altre inspiegabili scelte che hanno particolarmente colpito la nostra attenzione.

“Come si spiega, infatti, che alcuni costosissimi corpi illuminanti, distribuiti in maniera assai copiosa nei luoghi più remoti del teatro, fossero stati installati ancor prima del completamento delle opere strutturali? E come si spiega che un teatro che, a detta di Visentin, era praticamente pronto, si trovasse interamente sprovvisto di corpi illuminanti nelle zone fondamentali dello stesso: vestibolo, ingresso, biglietteria, bar, guardaroba, palchi, foyer, bagni? Come mai quelle costosissime e urgentissime applique sono state installate ovunque meno che nei luoghi ove servivano davvero?

“Sono certo che a tutte queste domande qualcuno sarà in grado di rispondere con la stessa accuratezza con cui si snocciolano le cifre milionarie, certamente servite a realizzare opere indispensabili ma anche, indubbiamente, a sfregiare e umiliare il teatro.

“Per concludere, poi, sulla vicenda dell’evento dedicato al un profumo di una nota marca del lusso italiano, devo nuovamente ribadire che non si è in alcun modo trattato di una festa privata ma del lancio in anteprima mondiale di uno spot realizzato da due protagonisti assoluti del nostro cinema – il regista Giuseppe Tornatore e il musicista di Ennio Morricone – e destinato ad un numero assai ristretto (non certo i 406 posti autorizzati adesso) di giornalisti internazionali di settore. La proiezione, come è evidente, non ha in alcun modo comportato l’impiego dei palchi e del teatro nella sua funzione di rappresentazione scenica ma solo di alcuni posti in platea. Qualunque paragone con gli spettacoli e le possibilità di fruizione attuali può solo provenire da chi non conosce le cose o non le ricorda, o cerca di arrampicarsi sugli specchi. Mi fa piacere ricordare, inoltre, che, grazie a quell’evento, il teatro ha ricevuto in dono la somma di 20.000 euro per acquisto di arredi e i tre splendidi lampadari che illuminano elegantemente l’ingresso.

“Probabilmente non sono nascosti bene come le urgentissime e carissime applique dell’ultimo piano, ma tant’è.

“Basta fare una rapida visita a teatro e dare un’occhiata ai documenti per farsi un’idea.

“Mi spiace constatare, in ultimo, come ancora una volta, chi si occupa di politica in città non colga l’opportunità di gioire e partecipare con proposte e progetti ma preferisca avventurarsi in polemiche sterili ed autoreferenziali”.

 

Pubblicità

Ilaria Greco

Direttrice responsabile della testata giornalistica di Canale 8. Laureata presso l'Università degli Studi di Palermo, ha avuto diverse esperienze in varie redazioni giornalistiche sia televisive sia della carta stampata (TV ALFA, TRC, TV Europa, Canale 8, Lu Papanzicu - periodico di informazione, Europubblik - Ravanusa) nonché significative esperienze in alcuni programmi Rai e Sky (L'Italia sul Due, La Vita in Diretta, London Live 2.0, Volo in Diretta, I soliti Ignoti, Sky Calcio Show). Attualmente si occupa giornalmente del telegiornale, prepara servizi televisivi e scrive articoli per sito il web dell'emittente, coordina la redazione, gestisce il sito e ne cura la diffusione. Inoltre conduce il TG, la rassegna stampa, dirette televisive in occasione di eventi importanti nel panorama locale e programmi di approfondimento culturale e politico, di cui spesso è lei stessa l'ideatrice. La passione per la scrittura giornalistica va di pari passo alla scrittura poetica: ha partecipato all’evento internazionale “1oo Thousand Poets for Change” organizzato dalla Stanford University (California) e al concorso “I poeti del mandorlo e della natura” nell’ambito della 69° Sagra del Mandorlo in Fiore e 59° Festival Internazionale del Folklore, ricevendo una menzione speciale. Collabora con l'Istituto Superiore di Giornalismo in qualità di docente/relatrice e collabora all'organizzazione di corsi di aggiornamento. Avendo, inoltre, una preparazione culturale di ambito archeologico, ha collaborato con alcune riviste scientifiche e ha partecipato ad importanti campagne di scavo archeologico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: