Siracusa: Sequestro del depuratore, interviene il consigliere Bottaro “Chi inquina paga”

Relativamente il sequestro del depuratore di Siracusa interviene il consigliere Gaetano Bottaro con un nota che riportiamo integralmente:

amore immenso per il mare con una battaglia iniziata anni fa. Una certezza è che non ero pazzo e che qualcuno mentiva spudoratamente in merito allo smaltimento dei liquami destinati al depuratore di contrada Fusco, recentemente sequestrato dalla magistratura.

Più che soddisfazione la considero una immensa gioia e un segnale positivo per la salute del nostro mare e delle generazioni future. Un sogno realizzatosi dopo 6 anni di attesa, quando ebbi il coraggio di denunciare pubblicamente con il mio video, che divenne subito virale, cosa accade al canale Grimaldi. Poco dopo un anno dal mio insediamento in consiglio comunale, per la prima volta nella storia chiesi e ottenni che il Comune si costituisse parte civile contro gli indagati.

Adesso desidero solamente che venga attuata la legge europea “Chi inquina paga”, per ridare dignità e salute al nostro mare. Oggi balza agli onori della cronaca il sequestro degli impianti incriminati, che mi rinfranca di questi anni difficili in cui in pochi hanno creduto in ciò che sostengo.

Oggi, come sempre, la legge ha vinto, hanno vinto i siracusani ma soprattutto ha vinto il mare siracusano.

Un grande ringraziamento va fatto a tutti i colori che hanno lottato come me per la salute delle coste siracusane, che devono essere una vera risorsa, e al lavoro impeccabile delle forze dell’ordine. Infine, il più grande plauso alla magistratura in cui ho riposto tutta la mia fiducia.

Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: