Siracusa, firmato ieri il protocollo del progetto Eu-Fin

Firmato il protocollo d’intesa “Per un percorso comune di sviluppo delle città sul mare”, momento conclusivo del progetto Eu-Fin, European Union Fishing Network, con altre delegazioni mondiali.

Siracusa, 28 ottobre 2015 – Diciassette organizzazioni di dieci stati europei hanno sottoscritto ieri mattina il protocollo d’intesa “Per un percorso comune di sviluppo delle città sul mare”, momento conclusivo del progetto Eu-Fin, European Union Fishing Network, finalizzato alla costituzione di un’associazione che promuove lo sfruttamento sostenibile e non invasivo della risorsa mare.

La firma è avvenuta nella sala “Ferruzza Romano” dell’Area marina protetta del Plemmirio dove, per tutta la giornata le delegazioni si sono confrontate sulle iniziative da intraprendere e sugli obiettivi concreti da raggiungere, soprattutto per quelle città che sono sede di aree marine e che operano nel progetto Med. Oggi a partire dalle 9,30, ci sarà il momento divulgativo con un incontro dedicato agli studenti dell’Istituto “Rizza” e del Nautico.

Il Comune di Siracusa era rappresentato dall’assessore alle Attività produttive, Agricoltura e pesca, Teresa Gasbarro che, assieme al presidente dell’Amp del Plemmirio, Sebastiano Romano, ha dato il benvenuto agli ospiti.

“Il protocollo – ha detto l’assessore Gasbarro – deve rappresentare un salto di qualità nelle politiche sulla risorsa mare, che può diventare sempre più fonte di sviluppo senza perdere di vista il tema della sua salvaguardia. L’attenzione primaria va rivolta alla pesca e alle opportunità economiche ad essa collegate, ma l’interesse è anche verso le attività turistica sempre in un’ottica di difesa del mare. Tutto questo va sviluppato tenendo conto di tre aspetti: il quadro normativo; le occasioni offerte dall’Unione europea; le opportunità aggiuntive per le città che sono sede di aree marine”.

Ricordiamo che Siracusa è l’unica città siciliana a partecipare al progetto Eu-Fin, che ha come capofila  l’Istituto zoo-profilattico sperimentale della Sicilia. In quanto sede di area marina, la città entra anche nel programma Med che consente di mettere in campo iniziative specifiche.

Per quanto riguarda il progetto Med, dedicato alle attività nelle aree marine, gli obiettivi, oltre alla pesca sostenibile, riguardano anche l’istituzione di un marchio di filiera e la realizzazione di una piattaforma informatica.

“La pesca nelle aree marine – continua l’assessore Gasbarro – deve avvenire attraverso sistemi rigorosi, non invasivi e legati alla tradizione. Una valorizzazione del prodotto in questo senso porta valore aggiunto agli operatori, anche in termini economici, e garantisce il consumatore. Gli scambi tra i soggetti – conclude l’assessora- che aderiscono al progetto Med consentono poi di aprire nuove prospettive di sviluppo, di allargamento delle conoscenze, di promozione internazionale e di richiamo turistico”.

Corrado Tardonato

Pubblicità

Corrado Tardonato

Comunicatore pubblico, siciliano, classe ’87. Impegnato da anni nel settore della comunicazione politica ed istituzionale. Ho ricoperto vari ruoli quali il Responsabile stampa e comunicazione di soggetti politici ed istituzionali. Mi occupo di marketing politico ed elettorale (esperienza professionale condotta nel think thank PolisConsulting e in qualità di consulente per alcuni partiti politici), di comunicazione istituzionale presso enti pubblici, come il Comune di Monteprandone (AP) svolgendo attività di ufficio stampa e piani di comunicazione per migliorare la “brand reputation” dell'Ente; giornalismo e new media tra le verie esperienze in SudPress a Catania. Ho ricoperto il ruolo di responsabile commerciale e risorse umane presso una società di servizi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: