Più 200 milioni di euro al PSR per agevolare le aziende siciliane

200 milioni in più a disposizione di piccole e medie imprese siciliane, per favorire innovazione, investimenti tecnologici e start up. Lo prevede la rimodulazione del Fondo europeo di sviluppo regionale, il PSR 2014/2020 approvata dal governo Musumeci.
La variazione delle dotazioni per ogni singola ‘azione’ non è un semplice spostamento di risorse, ma risponde stando a quanto ha dichiaratio il presidente della Regione Nello Musumeci a una strategia ben precisa.

Nello specifico, la rimodulazione dei fondi prevede una dotazione aggiuntiva di cinquanta milioni di euro per le imprese che investono nell’upgrade tecnologico, nell’installazione di nuovi stabilimenti, nella diversificazione della produzione e nell’ampliamento di prodotti e servizi. Cento milioni di euro in più per gli interventi di supporto alla nascita di nuove imprese, prevalentemente negli ambiti tematici identificati dalla Strategia regionale dell’innovazione per la specializzazione intelligente. Altri 50 milioni milioni di euro saranno, invece, destinati alla realizzazione di progetti d’investimento, in regime di de minimis, per favorire la nascita di piccole aziende.
“Tutti gli indicatori economici – spiega il governatore – ci dicono che le ferite della grande crisi restano profonde soprattutto per la Sicilia e il suo tessuto imprenditoriale. Ecco perché siamo convinti sia necessaria una politica di accompagnamento e di investimento, specialmente nell’innovazione, a favore di coloro che, pur avendo tutte le carte in regola, rischiano di fronte alle nuove e insidiose sfide del mercato”.
“Con questo nuovo schema – spiega l’assessore Mimmo Turano – ci siamo messi all’ascolto delle esigenze dei nostri imprenditori, abbiamo infatti calibrato la rimodulazione dei fondi in base alle istanze pervenute e quindi al ‘successo’ tra le imprese di ogni azione. In questa maniera, sull’azione 3.1.1.02 (Aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili, e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale) portando la dotazione complessiva a centoventi milioni di euro potremo finanziare circa 180 progetti. Sull’azione 3.5.1.0.1 (Interventi di supporto alla nascita di nuove imprese sia attraverso incentivi diretti, sia attraverso l’offerta di servizi, sia attraverso interventi di microfinanza – Aiuti alle imprese in fase di avviamento) con l’aumento delle risorse fino a centotrenta milioni saremo in grado di finanziare circa 280 istanze. Infine sull’azione 3.5.1.02 (Interventi di supporto alla nascita di nuove imprese, sia attraverso incentivi diretti, sia attraverso l’offerta di servizi, sia interventi di micro finanza) con una dotazione complessiva di quasi 67 milioni di euro potrebbero addirittura essere finanziate tutte le istanze ammissibili”

Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: