Palermo, inizia all’Ars l’analisi sul disegno di legge per i precari degli Enti locali

Palermo, 28 dicembre 2016: È iniziata ieri sera, in Aula, la discussione del Disegno di Legge sulla stabilizzazione dei precari, così come avevo annunciato. Lo comunica l’On. Vincenzo Vinciullo, Presidente della Commissione ‘Bilancio e Programmazione’ all’ARS
Ieri, il Disegno di legge è stato approvato, insieme all’Esercizio provvisorio, dalla Commissione Bilancio, che aveva trovato anche la copertura finanziaria per far sì che, velocemente, il testo potesse essere approvato prima della scadenza dei contratti in essere. Il Disegno di Legge, che per quanto riguarda i Comuni in dissesto, cioè Augusta e Lentini, anticipa al 31 dicembre 2014 i termini per l’orario da conferire ai lavoratori precari, rappresenta, dopo 20 anni, una risposta concreta e certa, che finalmente darà serenità e dignità a migliaia di persone, che, da anni, precedenti Governi hanno lasciato in una situazione di assoluta precarietà.

Ieri, ha proseguito l’On. Vinciullo, introducendo il Documento Economico e Finanziario e il Disegno di Legge sull’Esercizio provvisorio, in qualità di relatore di entrambe i Disegni di Legge, ho voluto ricordare l’azione incisiva e puntuale, pur nelle difficoltà del momento, che questo Parlamento ha avuto nei confronti di due problematiche importanti: il raggiungimento del pareggio del bilancio e, ora, la stabilizzazione dei precari.

Il primo risultato si è ottenuto dopo 38 anni, il secondo dopo oltre 25 anni di attesa e lo stiamo facendo un momento di grave crisi finanziaria, bloccando, per i prossimi 20 anni, oltre 200 milioni di euro, che saranno riservati, dal 1 gennaio in poi, a tutti coloro che, ottenendo la proroga, ottengono, nello stesso tempo, anche la stabilizzazione.

È chiaro che, ha continuato l’On. Vinciullo, coloro i quali non troveranno spazio all’interno dei rispettivi Comuni, saranno assunti dalla Società Resais, proprio perché non vogliamo che nemmeno un precario rimanga senza futuro.
Siamo certi di poter contare sulla collaborazione dei Sindaci, anche attraverso una azione di premialità nei confronti di quei Sindaci che cercheranno di fare entrare nella propria pianta organica quanti più precari possibile.

Il provvedimento legislativo riguarda tutti i precari, a qualsiasi titolo, presenti in Sicilia, dalla Protezione Civile a quelli dei Comuni. In particolare, per quanto riguarda i precari dei Comuni, bisogna ricordare che sono 85 quelli di Augusta, 47 quelli di Sortino, 29 quelli di Buccheri, 35 quelli di Siracusa, 27 quelli di Buscemi, 22 quelli di Ferla, + 13 quelli di Palazzolo e 1 di Lentini.

Contiamo, ha concluso l’On. Vinciullo, entro questa notte, di esitare i tre Disegni di Legge, in maniera tale da dare certezza giuridica a tutti l’iter legislativo.
Certo che i deputati, oggi, si presenteranno in Aula per assolvere alle proprie funzioni.
Si invia in allegato i resoconti dei miei interventi di ieri in Aula.

 

Rinviata ad oggi pomeriggio la seduta all’ARS, e dove ieri sera si è chiusa con le polemiche di rito , spostando tutti i punti degli emendamenti alle ore 14 e l’aula alle ore 18. Tempi chiesti dai deputati per avere il tempo di studiare gli emendamenti e vedere in modo chiaro ciò che si deve esitare per il ddl sui precari, piatto forte di questa finanziaria che per l’ennesima volta porta scompiglio quanto si deve parlare di situazioni serie. il Presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone. “Ci riuniremo di nuovo in aula alle 19, faremo il punto della situazione e capiremo quando possiamo incardinare i provvedimenti in aula”. –

‘Speriamo di chiudere i lavori della commissione Bilancio al più presto e incardinare in aula il disegno di legge sulla proroga dei precari e quello sull’esercizio provvisorio entro stasera. In questa fase sarebbe molto importante guadagnare tempo”.

E’ il com