La Fondazione Whitaker ancora protagonista nel calendario di eventi di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018

Un week end di approfondimenti scientifici a Villa Malfitano per chiudere le manifestazioni che inserite nell’ambito di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018 si sono svolte a Villa Malfitano dal 17 novembre scorso, portando nuova luce sui Whitaker

A scendere in campo studiosi e docenti universitari provenienti dagli atenei italiani ed europei.

Venerdì 14 dicembre a partire dalle 9 a Villa Malfitano approfondimenti sul tema: “Il Mediterraneo e il decennio Inglese in Sicilia 1806-1815”. I relatori saranno: Luigi Mascilli Migliorini, Università di Napoli l’Orientale; Michela D’Angelo, Università di Messina; Antonino De Francesco, Università di Milano; Renata De Lorenzo, Università di Napoli Federico II; John Davis, University of Connecticut: Gerassimos Pagratis, Università di Atene; Chiara Pulvirenti Università di Catania. Nella prima sessione pomeridiana, a partire dalle 15 approfondimenti sul tema:  “La Sicilia nel decennio inglese 1806-1815”. Ad intervenire Marcello Saija, Università di Palermo; Rosario Lentini, Palermo; Maria Teresa Di Paola, Università di Messina; Massimo Lo Curzio, Università di Reggio Calabria; Claudio Paterna, dell’istituto per la storia del Risorgimento di Palermo. Nella seconda sessione pomeridiana, a partire dalle 17,45: “Gli Inglesi in Sicilia nell’ottocento”, interverranno: Giuseppe Barone dell’Università di Catania, Angelo Granata dell’Università di Catania, Alessia Facineroso, Università di Catania.

Sabato 15 dicembre nell’unica sessione mattutina, a partire dalle 9: “Il costituzionalismo inglese in Sicilia e il contesto europeo”. Interverranno Wanda Mastor, Universite di Toulose; Werner Daum, Fern Universitat in Hagen; Carlo Ricotti, Università di Roma La Sapienza; Daniela Novarese, Università di Messina; Giorgio Scichilone, Università di Palermo. A concludere la mattinata e gli eventi di Villa Malfitano sarà Gaetano Armao dell’Università di Palermo che parlerà dei valori costituzionali in Sicilia:1812, 1848,1946.

“Abbiamo voluto dedicare questo convegno internazionale al  cosiddetto decennio inglese di Sicilia (1805 – 1815)- spiega Marcello Saija, presidente del comitato scientifico del convegno– perché esso rappresenta per l’Isola un importante momento di transizione dall’Ancien Regime alla modernità. Vengono, infatti,  alla luce le spinte riformiste maturate nel periodo caraccioliano e del vicerè Caramanico, interrotte con gli eventi giacobini di fine del XVIII secolo ma riprese  nel primo quindicennio del secolo successivo. Così, mentre il Mezzogiorno continentale vive l’esperienza murattiana che liquida la feudalità con il tentativo di costruire l’amministrazione di uno Stato, la  Sicilia, nel 1812,  con una Costituzione, vive il compromesso tra il ceto aristocratico e la monarchia borbonica che avrà  conseguenze notevolissime sulla storia isolana  per tutto l’Ottocento e per buona parte del ‘900”.

Villa Malfitano, per oltre un mese, si è trasformata in palcoscenico, in teatro, in sede di eventi culturali di mostre, sfilate in costumi d’epoca e concerti.

La rassegna fa parte degli eventi finanziati da “Palermo Capitale italiana della Cultura 2018”. Grazie al protocollo di intesa tra la Regione Siciliana, l’Assessorato Regionale al Turismo, il Comune di Palermo e la Fondazione Sant’Elia, nella splendida cornice di Villa Malfitano a Palermo, gestita dalla Fondazione Whitaker, si è svolto un fitto calendario d’eventi, atti a celebrare, non solo l’immenso patrimonio culturale che la Villa e il suo parco rappresentano per la città di Palermo e l’intero territorio regionale, ma anche e soprattutto per sottolineare l’importante traccia lasciata alla fine dell’800 da alcune importanti famiglie inglesi sul nostro territorio. Venerdì e sabato la conclusione.