Ispica, il Buon Anno dell’Amministrazione: addio servizio autobus urbano!

Dal 1° gennaio sospeso ad Ispica il servizio autobus urbano. Lo denuncia nel suo blog Gianni Stornello,
esponente del Partito democratico e in corsa alle Primarie del 21 dicembre scorso.
“Il regalo per il nuovo anno – scrive sarcasticamente Stornello  ‐  è in perfetta sintonia con lo “stile della
casa”: smantellare, destrutturare, demolire, avvelenare pozzi e animi. Mi riferisco alla sospensione del
servizio urbano degli autobus dopo venticinque anni. La Cooperativa “Ispica Viva” ha gettato la spugna: la
Regione non paga, il Comune è in tutte altre faccende affaccendato, gli autisti e i soci non erano più
disponibili a pagare di tasca loro carburante e manutenzione dei mezzi. Così dal 1° gennaio il servizio è
tecnicamente “sospeso”. La sua ragion d’essere – spiega Stornello – era data dal fatto che Ispica aveva (ed
ha) un territorio composito, con la stazione ferroviaria (allora i treni c’erano) e il Cimitero parecchio distanti
dal centro urbano, con la fascia costiera che si riteneva si dovesse integrare con la città collegandola
stabilmente. Tutto questo pensando anche alle persone anziane, ad esempio, che per raggiungere il
Cimitero non volevano (e non vogliono) disturbare figli, parenti ed amici, o al numero sempre crescente di
residenti fra Santa Maria del Focallo e la Marza. Quando la Politica e l’amministrazione erano fatte di
intuizioni e non dell’attuale pressappochismo, la linea urbana veniva vista come una soluzione: del resto
l’idea non era nuova, visto che a cavallo fra gli anni ‘50 e ’60 il servizio c’era ed era gestito
dall’indimenticabile Saverio “Sciavè” Padova. La gestione alla “Ispica Viva” fu la soluzione che, essendo
durata venticinque anni, tanto cattiva non era. Occorreva ripensare il servizio, per renderlo redditizio. Nel
mio programma elettorale per le Primarie – ricorda l’esponente del Pd – avevo lanciato l’idea di estendere
la linea al Porto di Pozzallo, in modo da attrarre verso Ispica i turisti in arrivo da Malta e quelli probabili,
qualora si concretizzi l’idea di fare arrivare a Pozzallo le navi da crociera. Ovviamente era necessario fare le
dovute modifiche alla concessione regionale”. Stornello fa poi riferimento alla storia locale per rileggere il
presente. “Il nome della cooperativa, “Ispica Viva”, derivò da un’affermazione pronunciata in una
campagna elettorale amministrativa degli anni ‘90: “Ispica è morta”, si disse dal podio del Partito socialista.
Per tutta risposta nacque la cooperativa “Ispica Viva”. Certe espressioni rilette oggi hanno la loro
suggestione. Certo, Ispica morta non è. Ma c’è chi vuole farla morire. La sospensione della linea arriva a
distanza di qualche giorno dalle improvvide, infondate ed incontestate affermazioni del sindaco che, forse
perché gasato per la vittoria del suo candidato alle Primarie della “grande coalizione” del 21 dicembre,
aveva detto che al suo successore avrebbe lasciato un comune risanato e da fare invidia al Paradiso
terrestre. Tra le tante cose che ho imparato ultimamente – conclude Gianni Stornello – una è preziosissima:
credere nelle persone per quello che fanno e non per quello che dicono

Ilaria Greco

Direttrice responsabile della testata giornalistica di Canale 8. Laureata presso l'Università degli Studi di Palermo, ha avuto diverse esperienze in varie redazioni giornalistiche sia televisive sia della carta stampata (TV ALFA, TRC, TV Europa, Canale 8, Lu Papanzicu - periodico di informazione, Europubblik - Ravanusa) nonché significative esperienze in alcuni programmi Rai e Sky (L'Italia sul Due, La Vita in Diretta, London Live 2.0, Volo in Diretta, I soliti Ignoti, Sky Calcio Show). Attualmente si occupa giornalmente del telegiornale, prepara servizi televisivi e scrive articoli per sito il web dell'emittente, coordina la redazione, gestisce il sito e ne cura la diffusione. Inoltre conduce il TG, la rassegna stampa, dirette televisive in occasione di eventi importanti nel panorama locale e programmi di approfondimento culturale e politico, di cui spesso è lei stessa l'ideatrice. La passione per la scrittura giornalistica va di pari passo alla scrittura poetica: ha partecipato all’evento internazionale “1oo Thousand Poets for Change” organizzato dalla Stanford University (California) e al concorso “I poeti del mandorlo e della natura” nell’ambito della 69° Sagra del Mandorlo in Fiore e 59° Festival Internazionale del Folklore, ricevendo una menzione speciale. Collabora con l'Istituto Superiore di Giornalismo in qualità di docente/relatrice e collabora all'organizzazione di corsi di aggiornamento. Avendo, inoltre, una preparazione culturale di ambito archeologico, ha collaborato con alcune riviste scientifiche e ha partecipato ad importanti campagne di scavo archeologico.