(INTERVISTA ESCLUSIVA) Ai nostri microfoni il papà di Eligia: “Christian è un mostro. Vogliamo l’ergastolo”

Il papà di Eligia si concede ai nostri microfoni. “Non abbiamo più contatti con Christian, per noi non esiste più! Preferiamo non avere più a che fare con lui. Personalmente lo considero un macellaio”

Siracusa, 28 settembre 2015 – Il caso di Eligia, la giovane infermiera uccisa dalle mani del marito, ha sconvolto l’intera comunità e anche la nostra redazione, che fin da subito si è occupata del caso.

Oggi abbiamo avuto modo di sentire il papà della giovane infermiera che, dopo la diretta a “Mattino 5” sul noto canale nazionale, si è concesso ad una intervista telefonica con noi. “Fin da subito noi familiari abbiamo capito che in questo omicidio era coinvolto Christian, già poche ore dopo dalla morte di mia figlia”. Appare chiaro e deciso Agatino Ardina, padre della sfortunata ragazza, determinato a fare luce sulla vicenda e a fare giustizia. “Ci sono ancora tante cose che non sono chiare, certamente ci saranno dei complici, persone che lo hanno aiutato a mettere a termine l’azione criminosa, Christian non poteva fare tutto da solo”. L’uomo pensa che si siano altre persone coinvoolte e spera che la magistratura faccia il suo corso per chiarire tutti gli aspetti di questa vicenda e smascherare eventuali complici.

E quando abbiamo chiesto quali siano i rapporti con il cognato, ci ha risposto: “assolutamente nessun tipo di rapporto, non ci siamo più sentiti. Christian Leonardi non si è pentito per quello che ha fatto. Quando uno pecca va dal prete, si pente, il prete gli da la punizione e solo dopo gli si può parlare e lo si può perdonare. Mentre lui ancora oggi non si è pentito di quello che ha fatto, non mostra di avere una coscienza, è come se avesse ucciso una zanzara! Non gliene fregava niente di Eligia, per noi è un mostro e non vogliamo avere assolutamente contatti con lui!  Abbiamo fatto un altro funerale giorno 19: è morta un’altra persona di famiglia, cioè il marito di mia figlia!”. E poi aggiunge: “Non credo si sia trattato di una semplice lite, probabilmente Eligia avrà visto qualcosa di scomodo e per questo è stata uccisa”.

Al termine dell’intervista, Agatino Ardita ci ha ricordato un appuntamento: “Il 3 di ottobre Eligia compie 37 anni e verrà celebrata una messa in suo onore. Sicuramente per l’occasione verrà Renato Zero che canterà la sua canzone preferita“.

Ilaria Greco

Clicca nel video qui in basso per ascoltare l’intervista integrale e guardare le immagini dei momenti salienti delle indagini.

Pubblicità

Ilaria Greco

Direttrice responsabile della testata giornalistica di Canale 8. Laureata presso l'Università degli Studi di Palermo, ha avuto diverse esperienze in varie redazioni giornalistiche sia televisive sia della carta stampata (TV ALFA, TRC, TV Europa, Canale 8, Lu Papanzicu - periodico di informazione, Europubblik - Ravanusa) nonché significative esperienze in alcuni programmi Rai e Sky (L'Italia sul Due, La Vita in Diretta, London Live 2.0, Volo in Diretta, I soliti Ignoti, Sky Calcio Show). Attualmente si occupa giornalmente del telegiornale, prepara servizi televisivi e scrive articoli per sito il web dell'emittente, coordina la redazione, gestisce il sito e ne cura la diffusione. Inoltre conduce il TG, la rassegna stampa, dirette televisive in occasione di eventi importanti nel panorama locale e programmi di approfondimento culturale e politico, di cui spesso è lei stessa l'ideatrice. La passione per la scrittura giornalistica va di pari passo alla scrittura poetica: ha partecipato all’evento internazionale “1oo Thousand Poets for Change” organizzato dalla Stanford University (California) e al concorso “I poeti del mandorlo e della natura” nell’ambito della 69° Sagra del Mandorlo in Fiore e 59° Festival Internazionale del Folklore, ricevendo una menzione speciale. Collabora con l'Istituto Superiore di Giornalismo in qualità di docente/relatrice e collabora all'organizzazione di corsi di aggiornamento. Avendo, inoltre, una preparazione culturale di ambito archeologico, ha collaborato con alcune riviste scientifiche e ha partecipato ad importanti campagne di scavo archeologico.