I detenuti spiegano la mostra “I Mecenati del Barocco” Un’intuizione che “piace” al Ministero della Giustizia

Il progetto per la gestione del Complesso Musale del Barocco che coinvolge anche gli ospiti della Casa Circondariale di Noto è finito sulla home page dei siti internet con cui il Ministero della Giustizia veicola notizie da tutta Italia.

L’intuizione del sindaco Corrado Bonfanti, portata avanti grazie alla collaborazione della cooperativa Tempora, fa parlare di sé ed è stata definita come una buona pratica che favorisce il reinserimento sociale.

Ieri mattina l’ufficio stampa del Ministero della Giustizia, riprendendo un articolo pubblicato nei giorni scorsi dal Giornale di Sicilia, ha intervistato l’assessore al Turismo Giusi Solerte per poi raccontare da dove nasce e quali sono gli obiettivi di un progetto voluto dal sindaco Corrado Bonfanti, lanciato ad agosto 2018 e che è stato prorogato fino a novembre 2019.

Sono due i detenuti coinvolti dopo l’ok del Giudice di Sorveglianza: vestono i panni di guide turistiche ed accolgono i visitatori, spiegando loro i segreti della mostra “I Mecenati del Barocco”. 

 

Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: