Contrasto al fenomeno dei parcheggiatori abusivi: controlli di Carabinieri e Polizia Municipale

In città il fenomeno dei parcheggiatori abusivi continua ad essere presente soprattutto in alcune zone di Ortigia o presso il Teatro Greco, in prossimità dell’ospedale, d’estate a Cassibile e nelle numerose zone balneari. Si tratta di uomini, donne, ragazzi adulti, a volte persone anziane, che con la scusa di agevolare una manovra per parcheggiare o indicare un posto libero, chiedono in cambio dei soldi. Alcune si accontentano di una semplice offerta, in alcuni casi sembra esserci una specie di tariffa. Così a fine giornata i parcheggiatori raccolgono quel denaro sufficiente a far ritenere conveniente l’attività, soprattutto nel fine settimana quando gli automobilisti, ormai rassegnati a questa situazione, anche per paura che da un rifiuto possa scaturire un danneggiamento alla loro auto, danno sempre qualche monetina. Spesso questi parcheggiatori abusivi si trasformano in custodi di parcheggi con strisce blu, per le quali è già previsto un pagamento tramite i biglietti emessi dal comune, o di quelli con le strisce bianche. In molti casi loro stessi trasformano spazi nei quali è vietata la sosta, in parcheggi, spesso causando disagi al traffico, rendendo difficoltosa la circolazione.

Il codice della strada punisce questa condotta, sia del singolo o di colui che si avvale di altre persone, o di colui che determina altri ad esercitare abusivamente l’attività di parcheggiatore o guardiamacchine, con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma compresa tra euro 771 a euro 3.101. La somma è raddoppiata se nell’attività sono impiegati minori. In ogni caso è prevista la sanzione accessoria della confisca delle somme percepite. Tra ieri ed oggi, i Carabinieri della Stazione di Siracusa Principale, della Stazione di Ortigia unitamente a personale della Polizia Municipale, sono stati impegnati in diverse zone della città per infrenare il fenomeno. A seguito dei controlli effettuati in diverse aree di sosta in Ortigia, ai parcheggi con strisce blu al Teatro Greco e a tutti i parcheggi dell’ospedale, sono stati individuati ed indentificati 8 soggetti che si stavano dedicando alla specifica attività, a 5 dei quali sono state elevate altrettante contravvenzioni da 741 euro l’una.

Nelle grandi città questi parcheggiatori, spesso minori, vengono sfruttati dalla criminalità organizzata ed alimentano un giro di affari di migliaia di euro. Pertanto, al fine di fermare questo fenomeno, non solo illegale, ma spesso antipatico e antisociale, segnalate ai Carabinieri e alla Polizia Municipale la presenza di questi parcheggiatori, evitate di dare loro dei soldi, perché si sentiranno autorizzati a continuare.

Pubblicità

Ilaria Greco

Direttrice responsabile della testata giornalistica di Canale 8. Laureata presso l'Università degli Studi di Palermo, ha avuto diverse esperienze in varie redazioni giornalistiche sia televisive sia della carta stampata (TV ALFA, TRC, TV Europa, Canale 8, Lu Papanzicu - periodico di informazione, Europubblik - Ravanusa) nonché significative esperienze in alcuni programmi Rai e Sky (L'Italia sul Due, La Vita in Diretta, London Live 2.0, Volo in Diretta, I soliti Ignoti, Sky Calcio Show). Attualmente si occupa giornalmente del telegiornale, prepara servizi televisivi e scrive articoli per sito il web dell'emittente, coordina la redazione, gestisce il sito e ne cura la diffusione. Inoltre conduce il TG, la rassegna stampa, dirette televisive in occasione di eventi importanti nel panorama locale e programmi di approfondimento culturale e politico, di cui spesso è lei stessa l'ideatrice. La passione per la scrittura giornalistica va di pari passo alla scrittura poetica: ha partecipato all’evento internazionale “1oo Thousand Poets for Change” organizzato dalla Stanford University (California) e al concorso “I poeti del mandorlo e della natura” nell’ambito della 69° Sagra del Mandorlo in Fiore e 59° Festival Internazionale del Folklore, ricevendo una menzione speciale. Collabora con l'Istituto Superiore di Giornalismo in qualità di docente/relatrice e collabora all'organizzazione di corsi di aggiornamento. Avendo, inoltre, una preparazione culturale di ambito archeologico, ha collaborato con alcune riviste scientifiche e ha partecipato ad importanti campagne di scavo archeologico.