Caporalato, in corso operazione della Guardia di Finanza

Siracusa – 30 ottobre 2015 – SONO OLTRE 75 I FINANZIERI DELLA GUARDIA DI FINANZA DI SIRACUSA CHE, DALLE PRIME ORE DI STAMATTINA, NELL’AMBITO DI UNA INDAGINE COORDINATA DAL PROCURATORE CAPO DELLA REPUBBLICA, DOTT. FRANCESCO PAOLO GIORDANO E DIRETTA DAL SOSTITUTO PROCURATORE, DOTT. TOMMASO PAGANO, IN MERITO AL “CAPORALATO” STANNO DANDO ESECUZIONE ALLA COMPLESSA ATTIVITÀ.
LE FIAMME GIALLE, IMPEGNATE CON 25 PATTUGLIE E CON L’AUSILO DELLA COMPONENTE AEREA DI PALERMO STANNO SVOLGENDO UN’ATTIVITÀ ISPETTIVA DI CONTRASTO AL “CAPORALATO” CON L’INDIVIDUAZIONE DELL’IMPIEGO DI MANODOPERA IRREGOLARE E DEL LAVORO NERO NELLA FILIERA DELL’AGRICOLTURA, NEL VASTO TERRITORIO ARETUSEO.
L’EVIDENZA INVESTIGATIVA È CHE SONO OLTRE 13.550 GLI STRANIERI RESIDENTI IN PROVINCIA DI CUI OLTRE 5.000 NEL COMUNE DI SIRACUSA CON LA PRESENZA DI UNA IMPORTANTE COMUNITÀ DI ORGINIE AFRICANA E MOLTI IMPEGNATI NELL’AGRICOLTURA.
AL MOMENTO L’OPERAZIONE INTERESSA LE AREE AGRICOLE DI SIRACUSA E CASSIBILE SU OLTRE 90 ETTARI.
LE INDAGINI AFFIDATE ALLA COMPAGNIA DI SIRACUSA, A SEGUITO DI UNA INTENSA ATTIVITÀ D’INTELLIGENCE, SONO ORIENTATE DAL PROCURATORE CAPO DOTT. FRANCESCO PAOLO GIORDANO A TRACCIARE LE CRITICITÀ DEL FENOMENO CON L’OBIETTIVO DI ARGINARLO, TUTELARE UOMINI E DONNE EXTRACOMUNITARI CHE LAVORANO IN TOTALE SFRUTTAMENTO: ASSENZA DI TUTELE MININE SUL LAVORO, PRECARIE CONDIZIONI ALLOGGIATIVE ED IGIENICO SANITARIE E CON SALARI NON GARANTITI.