Avola: domani i funerali di Carrado Roccaro. C’è attesa per i risultati dell’autopsia

Secondo le linee guida dell’associazione italiana di aritmologia e cardiostimolazione, dati del 2013, solo nello 0,1% dei casi si muore a seguito di un’operazione di ablazione atriale. In pratica è esclusa la morte per questa tipologia di operazione considerata semi-invasiva. (Vedi grafico).

Avola. 29 gennaio 2019 – Domani, mercoledì 30 gennaio alle 15 si celebreranno i funerali di Corrado Roccaro ad Avola nella parrocchia di San Giovanni Battista alle ore 15. L’uomo è deceduto a seguito di una operazione di ablazione atriale presso l’Ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa. Operato dal dott. Giuseppe Campisi di Avola a seguito di una complicazione è andato in arresto cardiaco. Ora Giuseppe Campisi insieme al primario Antonino Nicosia e i medici Torre Michele e Rodi Giosafatto è indagato dalla Procura per omicidio colposo.

Gli ispettori dell’Assessorato Regionale alla Sanità che hanno visitato l’ospedale G. Paolo II, tra qualche giorno dovrebbero notiziare i familiari sulle risultanze relative alla loro visita ispettiva.

Di fatto il povero Corrado Roccaro per un’operazione di routine ha perso la vita e la famiglia, distrutta dal dolore, vuole sapere esattamente come sono andate le cose e perché il proprio caro è andato in arresto cardiaco per poi morire?

Secondo le linee guida dell’associazione italiana di aritmologia e cardiostimolazione, dati del 2013, solo nello 0,1% dei casi si muore a seguito di una operazione di ablazione atriale. In pratica è esclusa la morte per questa tipologia di operazione considerata semi-invasiva. (Vedi grafico).

Perché Corrado Roccaro ha perso la vita?

Pubblicità