Amministrative Siracusa, il dopo voto di Moschella: “il nostro 13% è reale, valuteremo la proposta di Italia”

7101 voti queste le preferenze di Fabio Moschella che nel ringraziare tutti gli elettori che lo hanno preferito, i candidati al consiglio comunale e lo staff afferma: “Il primo turno è stato deciso dal voto disgiunto che ha premiato Italia e non ha consentito a Reale di raggiungere il quaranta per cento.  I miei voti corrispondono alla somma dei voti delle tre liste non avendo dato vita ad alcuna iniziativa trasversale.  Mi sono congratulato con tutti i competitori con i quali, al di là di qualche inevitabile asprezza, abbiamo dato vita ad un serio confronto politico e programmatico. L’elezione diretta del sindaco mette al centro il candidato. Noi abbiamo messo al centro il progetto e la politica e forse questo, nel generale clima di sfiducia e malessere, ci ha penalizzato. In considerazione dell’altissimo astensionismo il nuovo sindaco sarà eletto probabilmente da un terzo degli elettori e quindi con un basso livello di leggittimazione.  Il 13% del nostro consenso è, come emerge con chiarezza dal voto, espressione di una forza coesa e determinante ai fini del risultato del secondo turno. A Francesco Italia spetta il compito di guidare questo passaggio. Valuteremo i contenuti della sua proposta”

Pubblicità