40esima Infiorata di Noto: la Bellezza che stupisce. – Un evento partecipato oltre ogni ottimistica aspettativa. Il Sindaco Bonfanti entusiasta per la riuscita della manifestazione.

Tutt’altra cosa. Molto più di un evento consolidato e di spettacoli all’aperto. La 40esima Infiorata di Noto che si è chiusa questa sera con il finale che ha visto il pubblico rimasto, assiepato nell’immensa scalea della Cattedrale di S. Nicolò, per assistere allo spettacolo, sceneggiato dall’associazione Hackrai di Elisa Nieli, in Piazza Municipio, di danza, luci ed effetti speciali, è stata un’esplosione di emozioni fatta di colori, di luce, di armonia, di suoni, di profumi, di tradizioni e di tanta gente entusiasta che si è incontrata in questa armoniosa cornice di una parte di Sicilia splendida che si fa ammirare.
La Bellezza che fiorisce, rinasce e genera vita“. Come ha detto, con piena soddisfazione per la riuscita dell’evento, il Sindaco Bonfanti incontrato in Piazza Teatro durante la manifestazione. Migliaia i turisti e i visitatori locali incuriositi e affascinati dalle centinaia di eventi dislocati in ogni angolo del centro storico, con i Palazzi barocchi sfavillanti  sino a sommergere di luce e armonia le due file di persone, in lento cammino sui marciapiedi di Via Nicolaci, per ammirare e fotografare i riquadri infiorati  che non si esaurivano mai. Molti erano rimasti ancora stupìti dalla sfilata pomeridiana degli abiti d’epoca con la rappresentazione del Corteo Barocco e dei figuranti veneziani. Un’edizione che difficilmente sarà superata in futuro anche per l’azzeccata attualità del tema “Vieni ‘ca ti cuntu” sulle storie dei nostri migranti in America, ben coniugata con la rara bellezza dell’anima e dei luoghi. E Noto, addobbata di fiori e di storia, ha abbagliato e rapito. Sicuramente la più importante manifestazione di tutta la nostra provincia.  Questa è la Sicilia che piace e che ci piace vivere con garbo e stupore.           (C. B.)

Pubblicità