Melilli: L’opposizione chiede risposte all’amministrazione

Melilli. Riceviamo e pubblichiamo un comunicato congiunto dell’opposizione: PDR – CIRCOLO DI MELILLI, NUOVO CENTRO DESTRA – CIRCOLO DI MELILLI, PARTITO DEMOCRATICO – CIRCOLO DI MELILLI, SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA’ – CIRCOLO DI MELILLI, ASSOCIAZIONE “AMO MELILLI”, COMUNITA’ E TERRITTORIO, ASSOCIAZIONE “MELILLI IN CAMMINO”, LIBERI CITTADINI, I CONSIGLIERI COMUNALI DI OPPOSIZIONE

Sono trascorsi più di due anni dall’insediamento della “nuova” associazione politica, alla guida dell’Amministrazione Comunale di Melilli ed è incredibile il numero di danni prodotti in un tempo così ridotto: la devastazione politica, economica, sociale e culturale dilaga a causa di una gestione amministrativa, incompetente e miope, assolutamente disinteressata al corretto funzionamento della cosa pubblica e volta solo a tutelare gli INTERESSI dei SOLITI NOTI. Dietro il silenzio assordante c’è l’incompetenza politica e professionale della giunta che sta causando danni CULTURALI e PATRIMONIALI irreparabili. Saremo noi a chiedere lo stato di calamità per i danni da voi procurati alla nostra comunità.

Ci domandiamo, ad esempio, cosa sta facendo l’amministrazione per monitorare i rapporti tra l’amministrazione e i soggetti che con la stessa stipulano contratti o che sono interessati a procedimenti di autorizzazione, concessione o erogazione di vantaggi economici di qualunque genere, anche verificando eventuali relazioni di parentela  o  affinita’   sussistenti   tra   i   titolari, gli amministratori, i soci e i dipendenti degli stessi soggetti e i dirigenti e i dipendenti dell’amministrazione. RICORDATE le promesse da Marinaio in campagna elettorale: TRASPRENZA AMMINISTRATIVA, CASA DI VETRO.

Vorremmo sapere da questa amministrazione:

-Perché l’assessore delegato non partecipò alla riunione AIA convocata al ministero dell’ambiente?

-Perché ancora nulla è stato fatto per poter mettere in esercizio l’impianto fotovoltaico installato alla piscina?

-Perché ad oggi non risulta essere stata presa una posizione chiara da parte dell’amministrazione circa l’area artigianale?

-Perché non viene istituito l’albo dei legali di fiducia dell’ente?

-Perché non è posta nessuna attenzione alle esigenze dei minori e dei disabili della nostra comunità ed alle loro famiglie?

-Perché si continuano a dare affidamenti diretti di pubblici lavori, incarichi professionali, forniture e servizi sempre alle solite ditte?

-Ed, infine, perché non ci chiariscono con quale criterio vengono nominati i rappresentanti del comune in seno al consiglio di amministrazione dell’IAS?

-Cosa ha fatto fino ad oggi il nucleo di valutazione nominato con valutazioni alquanto soggettive?

In un momento di crisi economica così forte, con le famiglie costrette a sacrifici quotidiani, i nostri amministratori non hanno un minimo di attenzione verso i problemi reali della nostra comunità. Il malcontento è generale: lavoratori, donne, giovani, anziani e pensionati sono abbandonati a sé stessi. Persino i consigli comunali, ultimo avamposto di democrazia grazie all’opposizione consiliare, ormai sono sempre più rari e quando vengono convocati, ad esempio in seduta aperta per far intervenire la cittadinanza, la maggioranza non si presenta.

La LOBBY politica prende le decisioni e le impone ai suoi uomini nelle stanze chiuse del palazzo, lontano da qualsiasi controllo democratico. Gli assessori esercitano deleghe per le quali spesso e volentieri non hanno alcuna competenza, né tecnica né politica.

Siamo rappresentati da una sindachessa NOMINATA che non ha avuto alcun consenso da parte dei cittadini.

Il risultato di tutto questo è ormai sin troppo evidente: Melilli è condannata, con questa amministrazione, a non avere alcuna speranza di miglioramento ambientale, territoriale, alcuna idea di progresso sociale o economico, e ancor di meno culturale. E perché no, morale.

Ci aspettano mesi difficili e battaglie impegnative, contro il muro di gomma di un’amministrazione e di una maggioranza scadenti e fuori tempo massimo.
L’arduo compito di contrastare i personalismi e l’incompetenza della giunta richiede coesione e coerenza politica da parte di tutte le forze responsabili del nostro paese, che ancora sperano di poter cambiare la desolante realtà in cui ci troviamo a vivere, per intraprendere un nuovo ciclo politico, amministrativo e sociale.

Pubblicità

Ilaria Greco

Direttrice responsabile della testata giornalistica di Canale 8. Laureata presso l'Università degli Studi di Palermo, ha avuto diverse esperienze in varie redazioni giornalistiche sia televisive sia della carta stampata (TV ALFA, TRC, TV Europa, Canale 8, Lu Papanzicu - periodico di informazione, Europubblik - Ravanusa) nonché significative esperienze in alcuni programmi Rai e Sky (L'Italia sul Due, La Vita in Diretta, London Live 2.0, Volo in Diretta, I soliti Ignoti, Sky Calcio Show). Attualmente si occupa giornalmente del telegiornale, prepara servizi televisivi e scrive articoli per sito il web dell'emittente, coordina la redazione, gestisce il sito e ne cura la diffusione. Inoltre conduce il TG, la rassegna stampa, dirette televisive in occasione di eventi importanti nel panorama locale e programmi di approfondimento culturale e politico, di cui spesso è lei stessa l'ideatrice. La passione per la scrittura giornalistica va di pari passo alla scrittura poetica: ha partecipato all’evento internazionale “1oo Thousand Poets for Change” organizzato dalla Stanford University (California) e al concorso “I poeti del mandorlo e della natura” nell’ambito della 69° Sagra del Mandorlo in Fiore e 59° Festival Internazionale del Folklore, ricevendo una menzione speciale. Collabora con l'Istituto Superiore di Giornalismo in qualità di docente/relatrice e collabora all'organizzazione di corsi di aggiornamento. Avendo, inoltre, una preparazione culturale di ambito archeologico, ha collaborato con alcune riviste scientifiche e ha partecipato ad importanti campagne di scavo archeologico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: