VINCIULLO: La produzione agricola in Sicilia messa in ginocchio e devastata dal maltempo. Si chieda lo stato di calamità.

Il maltempo si è abbattuto in Sicilia, con una intensità tale che sta distruggendo la produzione agricola e il raccolto per tutto il 2019.Il gelo, la neve e il vento hanno causato danni irreversibili in tutta la produzione agricola, dagli ortaggi in campo aperto al comparto serricolo, dal frumento alla frutta, dalle mandorle agli ulivi, compresa la zootecnia, non c’è un solo comparto agricolo che non stia soffrendo, in quanto non c’è un solo centimetro della nostra Provincia e di tutta la Regione che non sia stato colpito dalle avverse condizioni atmosferiche. Lo dichiara Vincenzo Vinciullo.L’agricoltura, già in difficoltà cronica, ora è in ginocchio, ma il peggio deve ancora arrivare perché, per tutta la stagione agricola 2019, i nostri agricoltori non potranno ricavare il giusto guadagno per sostenere le proprie famiglie, né saranno nelle condizioni di poter acquistare, l’anno prossimo, sementi e concimi per poter iniziare la nuova stagione agricola. Bisogna immediatamente attivarsi con il Governo nazionale per chiedere il riconoscimento dello stato di calamità, bloccare presso le Banche il pagamento dei mutui e, nello stesso tempo, attivarsi affinché siano sospesi per gli agricoltori le cartelle esattoriali che non saranno in grado di pagare per evitare che al danno si aggiunga anche la beffa di eventuali fallimenti con conseguenze drammatiche per tutte le famiglie degli agricoltori siciliani.In questo momento difficilissimo, ha concluso Vinciullo, bisogna fare squadra e lavorare tutti uniti per aiutare quanti sono in difficoltà e non credono più in un futuro corrispondente ai sacrifici sostenuti.