Siracusa: Agnes, la nigeriana che viveva in una panchina adesso ha una casa

Agnes, la donna nigeriana meglio conosciuta per bivaccare giorno e notte su una panchina di corso Umberto a Siracusa, adesso ha una casa pur temporanea, la Comunità terapeutica assistita La Magnolia dove è stata trasferita dopo svariati tentativi di darle un tetto da parte del Comune.

L’inserimento in struttura è stato preceduto da un passaggio nel reparto di Psichiatria per stabilizzare una ideazione che la costringeva a rifiutare ogni tipo di assistenza

Il direttore del Dipartimento Salute mentale Roberto Cafiso ha commentato: “E’ il risultato di un lavoro di sinergia tra il Dipartimento Salute mentale dell’Asp di Siracusa e l’Assessorato alle Politiche sociali del Comune. Sin qui l’obiettivo è stato conseguito grazie all’impegno dei dottori Gaetano Sgarlata, Maria Concetta Rodante, Martina Passalacqua e dei sanitari del Centro Salute mentale e dell’SPDC del Modulo di Siracusa diretto da Riccardo Gionfriddo che hanno concertato i passaggi necessari per dare ad Agnes una vita più dignitosa e forse la possibilità di tornare a casa dai figli. Le storie di disagio mentale hanno spesso un terreno di insopportabile disagio sociale e il nostro impegno su ciò è quotidiano”.