Priolo Gargallo si prepara alle amministrative, Bosco di Unione Popolare scende in campo

Le prossime elezioni comunali ci pongono davanti ad un’alternativa: o dare la svolta a un comune da troppi anni in mano alla corruzione e al clientelismo o continuare a mantenere le stesse persone che negli anni non hanno fatto altro che pensare ai loro interessi, fregandosene di Priolo e dei Priolesi. Questa seconda scelta, oggi, non è più ammissibile. E’ per questo che è necessario avviare una forte opera di rinnovamento nella gestione della cosa pubblica, attraverso persone oneste e capaci”. Queste le parole di Cristian Bosco di Unione Popolare di Priolo il quale continua affermando che “in tempi di crisi come quelli che sta vivendo la nostra città, la politica deve dare il buon esempio. I “mangiatari” che pensano di fare politica solo per avere un lauto stipendio o per vedersi sistemati i propri parenti devono essere mandati a casa. Negli ultimi anni abbiamo assistito a scene a dir poco vergognose e ad uno di spreco di denaro mai visto prima, mentre ciò di cui aveva bisogno realmente il paese è stato messo in secondo piano”. 

Gli obiettivi di Bosco sono: Abbassare i costi della politica, portando il gettone di presenza dei consiglieri comunali da 30 euro a 7 euro a riunione; Avviare i lavori pubblici; Avviare le attività sociali in grado di contrastare la disuguaglianza economica e culturale; Avviare i concorsi pubblici per aumentare il numero dei vigili urbani e far rispettare la pianta organica del Comune.

Naturalmente, questi sono soltanto alcuni dei progetti che verranno poi trattati in sede di conferenza programmatica dove auspichiamo che ogni singolo cittadino possa dire la propria e presentare le proprie idee” conclude Bosco