Priolo Gargallo: Christian Bosco ufficializza la sua candidatua a sindaco

E’ ufficiale, Christian Bosco concorrerà alle amministartive di Priolo Gargallo per la poltrona di primo cittadino.

“Priolo ha bisogno di una nuova classe politica in grado di mettere una volta per tutte la parola ‘fine’ a una gestione della cosa pubblica fallimentare e fin troppo opportunista che vede esponenti politici pensare solo ai propri interessi e non a quelli della collettività”.Questa la motivazione che ha spinto Bosco a scendere in campo.

“La nostra città a causa degli scandali che hanno coinvolto i massimi vertici dell’Amministrazione Rizza si ritrova oggi ad essere sotto commissariamento. Questo dimostra il totale fallimento della vecchia politica, troppo legata alle poltrone e ad interessi di parte. Ne è chiaro sintomo anche l’altissima disoccupazione che colpisce i nostri concittadini: il 40% per i padri e le madri di famiglia e il 70% per i giovani. Pensare oggi che il problema possa essere risolto dalle stesse persone che l’hanno causato significa solo credere alle favole e farsi prendere in giro” ha dichiarato Bosco che, nel confermare la sua candidatura asindaco della città, ha anche esposto un lungo e ricco programma elettorale.

“Ridare ordine a questo Paese; Abbassare i costi della politica, portando il gettone di presenza dei consiglieri comunali da 30 euro a 7 euro a riunione (come un operaio) ed abbassando lo stipendio di sindaco e assessori. Con i soldi risparmiati si deve creare un fondo per garantire gli studi ai giovani priolesi meritevoli che non hanno la possibilità di studiare; Avviare i lavori pubblici (dalla riqualificazione delle strade al rifacimento delle piazze degradate tra cui piazza Quattro Canti, dagli impianti sportivi alla creazione di nuovi posti di ritrovo); Avviare politiche sociali in grado di contrastare le disuguaglianze sociali oggi presenti nella società priolese (è grazie a noi se oggi a Priolo esiste il “baratto amministrativo”, cioè la possibilià di svolgere lavori socialmente utili in cambio dello sconto/esenzione sul pagamento dei tributi); Avviare i lavori di bonifica ambientale dei progetti da noi fatti approvare pari ad un importo di 106.800.000 euro e fare approvare al più presto i fondi della FASE 2, pari ad oltre 667 milioni di euro. Parliamoci chiaro: la zona industriale ormai è tramontata e solo con le opere di risanamento ambientale è possibile creare lavoro per almeno 50 anni; Avviare i concorsi pubblici per aumentare il numero dei vigili urbani e far rispettare la pianta organica del Comune; Far rientrare il Comune di Priolo nel C.U.M.I. e garantire lo sviluppo dell’università priolese; Lavorare con i Comuni di Augusta e Melilli per il porto commerciale. I cinesi vogliono spendere 1 miliardo di euro per ampliare il porto in modo tale da consentire l’attracco delle loro navi. Si parla di circa 16 mila posti di lavoro, di cui 800 nella sola logistica; Far nascere anche a Priolo una radicata realtà associativa, che riguardi il mondo della cultura, del sociale, dello sport, dell’organizzazione dei principali eventi cittadini. Tutti riuniti in una “PRO LOCO”; Rinnovare e valorizzare la festa dell’Angelo Custode, il carnevale e tutti gli eventi che abbiano come fine  lo sviluppo delle tradizioni locali. Far tornare a Priolo la storica corsa dei cavalli” questi sono solamente alcuni del programma presentato.

Bosco si presenta con la lista civica “Unione Popolare Priolese – Bosco Sindaco”