Noto, furti da oltre trentamila euro nella villa di San Lorenzo della presidente del Consiglio Comunale

Noto. 20 aprile 2017 –  Ammontano ad oltre trentamila euro (e la cifra potrebbe salire perchè gli accertamenti sono ancora in corso) i danni subito dalla presidente del Consiglio comunale di Noto, Veronica Pennavaria, a causa di una serie di furti perpetrati nella villa di famiglia, a San Lorenzo. I fatti sono avvenuti dal 12 al 15 aprile e, per questi reati, è stato tratto in arresto Salvatore Di Bartolo, un pregiudicato di 55 anni. L’uomo, attualmente, si trova agli arresti domiciliari, ma ha alcune ore di permesso mattutino, durante le quali continua a recarsi nella zona di San Lorenzo, dove è già stato tratto in arresto. Una contingenza, questa, che mette non poca ansia ai residenti della zona.

Salvatore Carusa, peraltro, è stato arrestato dopo essere stato bloccato dal dottor Corrado Cultrera,  marito della signora Pennavaria, e da suo figlio, Giuseppe Cultrera, mentre il pregiudicato si allontanava dalla villa a bordo della bicicletta appena rubata. Aveva con sè molte chiavi d’auto ed un mazzo di chiavi della villa della famiglia Cultrera, forse preso il giorno della prima incursione. Così, fermato l’uomo e chiamati i carabinieri, sono scattate le manette. Intanto sarà molto  difficile recuperare la refurtiva, costituita da decine di pezzi pregiati, tra i quali c’è anche un orologio Rolex Date Just, un televisore da 65 pollici, un tappeto persiano, bracciali d’oro, collane orecchini  ed anelli, oltre a vestiti di marca e borse. Sono scomparse anche due biciclette mountain bike professionali di notevole valore, oltre a pezzi d’arredamento d’antiquariato e pregiati soprammobili.

Le indagini, adesso, hanno il fine di accertare chi c’è dietro Caruso, visto che non ha potuto agire da solo.Vive in totale indigenza e non possiede neppure un’auto. Il suo arresto, quindi, potrebbe essere soltanto un primo paso per puntare più in alto.

Dida Foto: decine di chiavi d’auto e d’appartamento trovate nella borsa che Caruso ha portato via dalla villa. Nella foto in primo piano, invece, c’è la bicicletta rubata a bordo della quale è stato bloccato il pregiudicato.