Avola: Simone Libro di “Lega Salvini Premier” spiega le motivazioni che lo hanno spinto a ritirare la sua candidatura alle politiche del 4 marzo

“Il merito nel provinciale viene deriso e non valorizzato” ha affermato Simone Libro referente locale di “Lega Salvini Premier” che in data 1 febbraio ha deciso di ritirare la propria accettazione di candidatura come candidato supplente alle elezioni politiche del 4 marzo prossimo.

Libro seppur condivide la scelta “estrema” del gruppo di Noto di uscire dal partito proprio perchè le decisioni di nominare i candidati sono state imposte dall’alto senza nessun confronto con il territorio, afferma che “le  lotte democratiche devono essere consumate in un contesto di partito, interno e privilegiato, e non fornendo spunti di critica verso il partito in cui il sottoscritto e altri rappresentanti della provincia di Siracusa credono” ha detto.

Il referente locale del partito di Salvini crede ancora però che ci siano le condizioni per ottenere la maggioranza al congresso, una maggioranza che sarà in grado di cambiare la rotta che il precedente coordinamento provinciale aveva tracciato, con scarsi risultati alle elezioni regionali e con la riproposizione delle stesse candidature alle elezioni politiche.

“Per queste e per altre ragioni non voglio mettere la faccia con questi candidati, assolutamente non rappresentativi del gruppo provinciale che mi sostiene e che sono pronti a scendere in campo per il bene del partito. Mi candido alla segreteria provinciale come segretario perche’ è li che si compiono le scelte ed è li che si contribuisce alla crescita dell’intero partito in provincia, anche in considerazione delle future competizioni elettorali tra le quali le comunali a Siracusa e in altri comuni della provincia, ma soprattutto del ritorno delle elezioni provinciali, stimate per il prossimo autunno” ha dichiarato Libro